Cellini/Tribunale: 'Salvaguardare la sede cittadina. Amministrazione attuale completamente disinteressata'

2' di lettura 27/04/2012 - Per quanto riguarda il settore giustizia non può certo sfuggire la drammatica situazione in cui versa,anche nella nostra città. A livello nazionale se ne ha esempio quotidiano che tutti i partiti vogliono riformare la giustizia in tutti i modi (inutili) tranne l'unico veramente efficace e cioè l'aumento del numero dei magistrati con un reclutamento straordinario.

A livello locale, l'attuale amministrazione se ne è talmente disinteressata dell'argomento che dubito che sappia dove si trovi la sede distaccata del Tribunale o vi abbia mai messo piede. In tutto il territorio comunale non vi è un solo cartello stradale indicatorio; gli attuali amministratori e, comunque i vari politici cittadini, non hanno speso una parola per difenderlo al contrario di altre realtà vicine (vedi Camerino) che hanno fatto fronte comune per evitarne la soppressione e la stessa Recanati che farebbe carte false pur di appropriarsi di una sede distaccata.

A prescindere dal destino futuro della sede giudiziaria, si tratta pur sempre di un palazzo pubblico che ben poteva intanto essere dotato di un ascensore per agevolare l'ingresso ai disabili; l'amministrazione non ha preso neppure posizione, e men che meno ipotizzare lo stanziamento di fondi, per evitare la probabile soppressione dell'ufficio del giudice di pace; per sistemare due stanze da adibire a cancelleria ha impiegato oltre due anni e gli avvocati, nonostante le promesse, ancora non hanno una stanza decente ove conferire con i clienti, e dotata di postazioni per computer; gli attuali amministratori non risulta che abbiano nemmeno partecipato alle riunioni sulla funzionalità e messa in sicurezza del tribunale, salvo poi apparire inutilmente sulla stampa locale per sterili proteste di facciata. In compenso, senza alcun criterio, distribuisce a caso (?) incarichi agli avvocati a sua tutela nelle varie controversie.

Ringrazio invece FLI ,che con la visita in città del Pres.Italo Bocchino ha reso partecipe uno dei principali attori della politica nazionale della situazione del tribunale di Civitanova Alta e che prontamente (vedi allegato) ha voluto interrogare il Ministro della Giustizia al fine di salvaguardare il mantenimento della sede civitanovese del tribunale. Sarà a Civitanova Marche sabato mattina anche l'On.Fabio Granata ,membro commissione antimafia, poichè la legalità e la sicurezza sono 2 temi che FLI vuole affrontare concretamente in città.


da Luisella Cellini
candidato sindaco Lista FLI e Primo Polo per Civitanova





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-04-2012 alle 21:41 sul giornale del 28 aprile 2012 - 704 letture

All'articolo è associato un evento

In questo articolo si parla di politica, tribunale, civitanova marche, amministrazione comunale, Italo Bocchino, fli, luisella cellini, primo polo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ym8





logoEV
logoEV