Recanati: Venerdi' 10 Febbraio, JAZZ col Piero Principi Trio

jazz 3' di lettura 08/02/2012 - Prosegue la rassegna musicale del “Venerdì in Jazz” con un appuntamento imperdibile. venerdì 10 febbraio alle ore 22:30 al Café Opera di Recanati che vede protagonista della serata il musicista fotografo Paolo Principi con il suo progetto “Obiettivo in ascolto”. Una proiezione multimediale di oltre 400 immagini, accompagnata direttamente dall’autore alla batteria e da due musicisti che non hanno bisogno di presentazioni: Luca Pecchia alla chitarra e Giordano Pietroni al contrabbasso.

Il progetto si basa proprio sulla doppia “personalità” dell’autore, fotografo e musicista allo stesso tempo. La sensibilità musicale unita alla professionalità nella fotografia fa si che le foto di Piero Principi abbiano una musicalità difficilmente riscontrabile in altre immagini. Come ha scritto Enrico Pieranunzi sulla prefazione del libro pubblicato da Principi, che prende il nome del progetto: “......cogliere quei momenti, pre-sentirne tutta la pregnanza musicale ed umana costituisce un’impresa non facile per nessuno, che Piero Principi ha saputo affrontare con abilità e coraggio da vero artista.

Forse i suoi trascorsi di batterista non gli sono risultati inutili per pervenire a esiti di così elevata valenza estetico-espressiva”. Ascoltare l’immagine, vedere la musica: è proprio questa raffinata capacità di percezione che ha consentito a Piero Principi di realizzare gli scatti proposti, una percezione totale e totalizzante, grazie alla quale l’osservatore riesce a mettersi in rapporto profondo con l’osservato, in quanto nel jazz, più che in qualsiasi altra espressione musicale, è il corpo prima di tutto a proporsi come sorgente e rappresentazione stessa della musica. Anche per questo i fotografi sono sempre stati affascinati dai musicisti di jazz in azione, di come sanno rappresentare, con irresistibile innocenza, tutta la loro vitalità, fantasia e creatività.

Cogliere quei momenti è, naturalmente, questione di istanti, costituisce un’impresa non facile per nessuno, che Piero Principi ha saputo affrontare con abilità e coraggio da vero artista. Il fotografo, sin da piccolo affascinato dalla batteria, per diverso tempo partecipa a seminari con i più grandi batteristi: Elvin Jones, Peter Erskine, Steve Gadd, Jack de Johnnette, Marvin "Smitty" Smith e Dave Wekl. Poi, per una scelta personale decide di lasciare la musica solo come hobby e dedicarsi ad un’altra passione che diventerà la sua professione principale: la fotografia. Il connubio jazz e fotografia è quindi automatico.

E questo suo osservare dall’oculare della fotocamera con "l’occhio" del musicista gli permette di realizzare immagini cariche di energia e passione. Il suo obiettivo permette al visitatore di vedere la musica dei jazzisti fotografati, di percepire dietro i loro silenziosi sguardi o le loro smorfie, dietro gli irripetibili movimenti dei loro visi e dei loro corpi, l’inconscia, sempre cangiante, danza interna che anima e nutre le loro indimenticabili avventure sonore. Non si tratterà di una semplice serata di musica, agli spettatori si chiederà questa volta non solo di ascoltare ma di impegnare anche lo sguardo in un progetto che regalerà loro un viaggio nella storia della musica. L’attività del Café Opera proseguirà anche il prossimo venerdì sempre con la collaborazione del Musicamdo Jazz, rappresentante del Marche Jazz Network nella Provincia di Macerata. L’ingresso è gratuito per tutti i concerti in programma.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-02-2012 alle 18:53 sul giornale del 09 febbraio 2012 - 1507 letture

In questo articolo si parla di musica, jazz, politica, spettacoli, recanati, Cafè Opera, piero principi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/uY2





logoEV
logoEV