Una Montagna di Soldi,cemento e miserie umane: l'area Ex Ceccotti

Arresti Zona Ceccotti 2' di lettura 29/09/2011 -

Legambiente e Cittaverde con l’iniziativa sul destino dell’ex Ceccotti hanno gettato un sasso nello stagno della politica. Fermata dalla Soprintendenza ai Beni Ambientali la lottizzazione così come proposta caparbiamente dall’assessore Perugini con i suoi 108.000 mq di edificato con l’emarginazione se non l’oblio della memoria storica dell’Archeologia Industriale dell’ex Fornace Ceccotti,della vetreria,ecc sonnecchia per trovare l’occasione per riproporsi nelle stanze della Giunta.



L’iniziativa è stata chiamata "Una Montagna di Soldi,Una Montagna di Cemento e una Montagna di miserie umane" perché tale è l’ex area Ceccotti e va sottratta a queste logiche tutte ideologiche che il centro destra ha imposto per 20 anni al territorio. La Lottizzazione-Variante Sonnecchia è anche un inciampo politico: approvare o meno la ex Ceccotti influirebbe negativamente sulle strategie elettorali e la costruzione di future alleanze dell’UDC di Perugini e Carusone in particolare con il PD di Silenzi.

Noi riteniamo che quella Lottizzazione-Variante che alcuni basano su un presunto diritto delle proprietà o degli acquirenti ad edificare non abbia nessun fondamento amministrativo e di fatto. Che questo “diritto” ad edificare non esista lo conferma indirettamente anche le scelte e gli indirizzi della Giunta che una volta parlava di 108 mq di edificato che potrebbero scendere di un 10%,ecc. Su come utilizzare quell’area e dare ad essa un contenuto spetta solo al Consiglio Comunale e certamente per la posizione strategica che questa ha in rapporto non solo ai bisogni di servizi del Centro ma di tutta la città e del comprensorio non può essere brutalmente cementificata.

I partecipanti hanno non solo condiviso le critiche che abbiamo mosso al progetto e apprezzato i contenuti ecosostenibili alternativi ma hanno ritenuto che la Giunta Mobili oramai in scadenza non abbia l’autorità politica per fare un colpo di mano e approvare il Piano di Lottizzazione con l’aggravante del così detto “Grattacielo”. Unanime è stata la convinzione che già oggi si deve aprire una Consultazione che esca dal rito e dal politichese. Un confronto che non si basi sulle volontà e i desideri di qualche lobbies o categoria sociale ma che si proceda, e qui l’appello alle individualità e ai soggetti organizzati, alle forze istituzionali e sociali, ad aprire partendo dalla ex Ceccotti ad una soluzione che dia vita ad una iniziativa di Urbanistica Partecipata dove a scegliere siano finalmente i cittadini.


da Citt@verde
associazione ambientalista Civitanova Marche




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-09-2011 alle 16:44 sul giornale del 30 settembre 2011 - 2120 letture

In questo articolo si parla di attualità, legambiente, civitanova marche, piano regolatore, lottizzazione, zona ceccotti, area ceccotti, citt@verde, urbanistica partecipata

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/pRW





logoEV