SEI IN > VIVERE CIVITANOVA > ATTUALITA'
articolo

Firmata la convenzione tra comune a Unicam e favore del canile

2' di lettura
1694

Sono oltre 100 i cani presenti nel canile di Civitanova che da oggi in poi potranno beneficiare della convenzione firmata in mattinata tra il comune di Civitanova Marche e l'Università di Camerino che mira ad abbattere il randagismo non solo migliorando la qualità della vita dei cani presenti al canile ma sopratutto rendendoli più adottabili. "Il Randagismo è un problema sociale - ha ricordato il prof  Giacomo Renzoni Direttore della Scuola di Scienze Mediche Veterinarie - e dunque la tutela sociale non può prescindere dall'attivare questo genere di politiche. Questo progetto che ha già dato buoni frutti presso l’asur 9 di Macerata, consentendo al contempo di ottimizzare i costi di gestione, si rivelerà un modello da esportare che sicuramente susciterà  soddisfazione anche nell'opinione pubblica".

Presenti anche l'assessore all'ambiente Ferdinando Nicoletti, il Prof. Andrea Spaterna Direttore Sanitario dell’Ospedale Veterinario Didattico di Camerino, Giovanni Cervigni - Direttore Servizio Sanità Animale Asur Zona Territoriale n. 8, Alberto Tibaldi - Direttore Servizio Sanità Animale Asur Zona Territoriale n. 9, Giuseppe Spernanzoni – Presidente Meridiana, Cooperativa Sociale che da due anni gestisce il canile municipale.

"Il nostro obiettivo è quello di vuotare il canile - ha precisato Spernanzoni - ossia rendere il canile una fase di transito nella quale grazie a percorsi mirati i cani vengono resi adottabili ed effettivamente affidati a persone che sapranno prendersi cura di loro. La convenzione ci permetterà dunque di mettere in piedi percorsi specialistici che prevedano certificazioni sanitarie dell'animale e percorsi di addestramento educativo dell'animale".

Il Prof Spaterna ha espresso soddisfazione nel documento che "concretizza la sinergia tra il servizio veterinario e l'università. Sinergia che ottimizza un servizio mantenendo da una parte la gestione dell'accoglimento animale e garantendosi dall'altra la possibilità di usufruire di una struttura complessa con specificità proprie che non entrino in competizione con altri organi competenti".





Questo è un articolo pubblicato il 27-07-2011 alle 20:05 sul giornale del 28 luglio 2011 - 1694 letture