Recanati: Fiordomo sugli 'speed-check', 'Non è più tollerabile il danneggiamento'

francesco fiordomo 1' di lettura 14/01/2011 -

A questo punto mi sembra che sia in atto una vera e propria strategia per la distruzione dei rilevatori di velocita' posizionati a Recanati e il patrimonio pubblico in generale, a partire da parchi e giardini. Chi ha fomentato la polemica e strumentalizzato la questione speed deve riflettere seriamente sul proprio modo di agire.



Non e' più tollerabile il danneggiamento sistematico dei beni della collettività ed e' urgente un intervento energico e tempestivo da parte delle Forze dell'Ordine. Avanzero’ al Prefetto di Macerata una proposta concreta in occasione della sua presenza a Recanati per la presentazione della video sorveglianza operativa da alcuni mesi nel centro storico con telecamere attive 24 ore su 24.

Intanto l'Amministrazione Comunale conferma il proprio impegno per la prevenzione e la tutela degli automobilisti che rispettano il codice della strada ed i pedoni. Non e' possibile che indisciplinati sfreccino a 130 chilometri orari lungo strade urbane. Come e' davvero triste che siano stati distrutti speed check posizionati in zone dove si sono verificati incidenti gravi e tragedie come a Bagnolo, con giovani vite stroncate. Posizionamento sollecitato da tantissimi cittadini che in ogni zona di Recanati ci segnalano velocità folli.


da Francesco Fiordomo
Candidato alle Regionali







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-01-2011 alle 18:36 sul giornale del 15 gennaio 2011 - 646 letture

In questo articolo si parla di attualità, recanati, francesco fiordomo, speed-check

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/glT





logoEV
logoEV
logoEV