Lavoro nero in un laboratorio tessile, sospesa l\'attività

carabinieri generico 1' di lettura 29/12/2009 - Sei lavoratori in nero impiegati in un laboratorio cinese a Civitanova Marche. Sospesa l\'attività imprenditoriale e sanzione di circa 1500 euro al titolare, che dovrà mettere in regola i propri dipendenti entro 24 ore per poter aprire nuovamente il laboratorio.

L\'operazione dei Carabinieri di Civitanova Marche insieme al Comando dei Carabinieri di Civitanova Alta e del Nucleo Carabinieri Ispettorato Lavoro, che ieri mattina ha scovato un laboratorio cinese in cui erano impiegati sei lavoratori in nero, è iniziata circa un anno fa.

I militari, che hanno emesso un provvedimento di sospensione dell\'attività imprenditoriale, in attesa che il titolare regolarizzi le maestranze in nero, hanno anche sanzionato lo stesso per 1500 euro. Inoltre, l\'imprenditore dovrà pagare una sanzione pecuniaria di circa 38 mila euro.

Il laboatorio, sito in via Sonnino a Civitanova, produce per conto di terzi confezioni tessili. In particolare il materiale confezionato era destinato ad un\'azienda tessile della Provincia di Rimini.





Questo è un articolo pubblicato il 29-12-2009 alle 20:11 sul giornale del 30 dicembre 2009 - 1327 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, lavoro nero, civitanova marche, Sudani Alice Scarpini, laboratorio cinese





logoEV
logoEV