Incendi boschivi: 782 volontari al fianco delle Istituzioni locali

progetto prevenzione incendi 2' di lettura 24/07/2009 - La sinergia che si è creata tra le professionalità espresse dagli enti istituzionali preposti e il volontariato di protezione civile è alla base dell’efficienza del programma provinciale di prevenzione e di lotta agli incendi boschivi nella provincia di Macerata.

Lo ha sottolineato l’assessore Simone Livi, illustrando, insieme al vice prefetto Sante Copponi e ai rappresentanti dei Vigili del fuoco, del Corpo Forestale e della Polizia provinciale, l’organizzazione attuata per l’estate in corso sul territorio provinciale, soprattutto nelle zone collinari e montane più esposte ai rischi e alle conseguenze degli incendi.

Sono ben 782 i volontari (appartenente a 26 gruppi comunali e a 13 associazioni) che in base alle turnazioni predisposte, partecipano al programma di prevenzione: circa 400 sono addetti ai nove diversi punti di avvistamento, gli altri collaborano con le unità mobili che, con la collaborazione delle Comunità montane, effettuano servizi di perlustrazione del territorio con autovetture equipaggiate e fornite dalla Provincia. Ai punti di avvistamento fissi e mobili dotati di apparecchi per il pronto intervento, si aggiungono tre webcam che permettono di visualizzare altrettante aree montuose. A queste tre telecamere se se aggiungeranno presto altre quattro in base ad un protocollo d’intesa sottoscritto tra la Provincia di Macerata e la Regione Marche, la quale consente l’uso di propri tralicci per l’installazione di tali “occhi elettronici”.

La presentazione del Piano 2009, si è svolta nella Sala operativa integrata della protezione civile che funge da punto terminale e di coordinamento dell’intera organizzazione, collegata a sua volta con la centrale dei Vigili del Fuoco, con il Comando del Corpo Forestale dello Stato e con la Sala operativa regionale.

Come ha sottolineato il vice prefetto Copponi, il Piano provinciale ha mostrato la sua efficienza da diversi anni, tanto da essere preso a modello anche per alcuni progetti a livello europeo di cui la Provincia di Macerata è stata ed è capofila. Su questo fronte i risultati rilevati dal Corpo Forestale per il territorio macerata convalidano il grado di efficacia del sistema di prevenzione che da quest’anno sarà esteso anche con servizi di pattugliamento notturno. Negli ultimi nove anni la media di superficie totale percorsa dalle fiamme degli incendi boschivi in provincia di Macerata risulta di appena 57 ettari. La punta massima si è registrata nel 2001 con 165 ettari (72 di area boscata e 93 non boscata), la minima nel 2005 con appena un ettaro e mezzo.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-07-2009 alle 19:14 sul giornale del 24 luglio 2009 - 1380 letture

In questo articolo si parla di incendio, politica, macerata, provincia di macerata, civitanova marche, volontari, incendi boschivi, istituzioni locali





logoEV
logoEV