Grande successo per l\'oscar del riciclo ottenuto dai Comuni maceratesi

comuni ricicloni 6' di lettura 18/07/2009 - Sono sempre più al top i Comuni maceratesi che hanno aderito al progetto di raccolta differenziata porta a porta attivato dal Cosmari e che attualmente coinvolge circa 150 mila abitanti di 15 diverse città e paesi.

Infatti nel corso della manifestazione “Comuni Ricicloni 2009” promossa da Legambiente e tenutasi i giorni scorsi a Roma, all’Hotel Quirinale, sia il Cosmari che i Comuni sono stati premiati per gli ottimi risultati raggiunti lo scorso anno.

Il Cosmari ha ricevuto il premio speciale per il miglior sistema innovativo di gestione domestica dell’organico. In particolare il Consorzio Cosmari – come si legge nella motivazione - è stato premiato per essersi distinto per diversi anni per l’eccellenza del sistema adottato nei 52 comuni della provincia di Macerata. Nel 2008 la qualità del sistema di raccolta ha permesso infatti di intercettare un consistente quantitativo di frazione organica dei rifiuti solidi urbani – pari a circa 17.230 tonnellate – in un bacino di circa 262.800 abitanti ed abbattere in questo modo 3.618 tonnellate di emissioni di CO2. Questo premio, ritirato dal Presidente Fabio Eusebi, dal Vicepresidente Daniele Sparvoli e dal Direttore Giuseppe Giampaoli, è stato assegnato a quattro anni dall’introduzione del sistema areato di raccolta differenziata della frazione organica dei rifiuti solidi urbani. I comuni che hanno adottato tale sistema sono oramai circa 450, sparsi su tutto il territorio italiana. Novamont ha premiato il Cosmari a seguito dei risultati conseguiti con l’impiego del contenitore areato, in associazione con il sacchetto in mater-bi e grazie alla promozione delle Ecofeste.

Grande successo anche per Montelupone che si è classificato al primo posto in Italia nella classifica in base all’indice di buona gestione nei Comuni sotto i 10 mila abitanti – Area Centro. Montelupone, 3.565 abitanti con una raccolta differenziata media del 75% ha ottenuto un indice dell’80,08, risparmiando 106,4 kg di CO2 pro capite. Ottimi piazzamenti, a livello nazionale, anche per i Comuni di Loro Piceno giunto al quarto posto, 2.510 abitanti, raccolta differenziata al 62,1%, indice 64,98, 88,2 kg di CO2 risparmiati pro capite, Urbisaglia classificatosi sesto, 2.780 abitanti, 64,6% la percentuale di raccolta differenziata, indice 60,52, 114,7 kg di CO2 pro capite risparmiati e Camerino, al 16° posto, 7.091 abitanti, 54,3% la raccolta differenziata, 49,54 l’indice di buona gestione, 129 kg di CO2 pro capite risparmiati.

Potenza Picena, invece, è risultata essere il primo Comune italiano, sopra i 10 mila abitanti – Area Zona Centro - per il miglior indice di buona gestione. Potenza Picena 15.950 abitanti, 66,4% di raccolta differenziata, indice 64,62, 150 kg di CO2 pro capite risparmiati. Ottima la performances di San Severino Marche che, seppur con una parte della popolazione coinvolta nel porta a porta, si è comunque classificata al quarto posto, 13.088 abitanti, 51,3% la raccolta differenziata, indice 54,28, 152,2 kg di CO2 pro capite risparmiati.

Va sottolineato che l\'indice di buona gestione è un “voto” alla gestione dei rifiuti urbani nei suoi molteplici aspetti: recupero di materia, riduzione del quantitativo di rifiuti prodotti, sicurezza dello smaltimento, efficacia del servizio. Per migliorare il proprio indice di buona gestione un Comune deve quindi porre attenzione non solo all’incremento della percentuale di raccolta differenziata, ma anche alla diminuzione della produzione pro capite totale di rifiuti, all’incremento della raccolta differenziata dei RUP (Rifiuti Urbani Pericolosi), alla promozione del compostaggio domestico, la sicurezza dello smaltimento e l’efficacia del servizio. L’indice di buona gestione, compreso tra 0 e 100, è calcolato a partire dai valori di 23 diversi parametri scelti dalla giuria. Molto soddisfatti dei risultati conseguiti Il Presidente Eusebi, il Vicepresidente Sparvoli e il Direttore Giampaoli che hanno sottolineato che questi riconoscimenti sono l’ennesima dimostrazione della qualità e dell’efficienza del servizio di raccolta differenziata porta a porta che, in poco tempo, grazie alle sinergie con le Amministrazioni comunali coinvolte ed all’ottima collaborazione dei cittadini, ha consentito di aumentare la raccolta differenziata media, su base provinciale, su valori superiori al 50%, recuperando sempre più carta, cartone, plastica, alluminio, vetro, rifiuti organici e oli vegetali esausti, diminuendo di molti punti percentuale la quantità dei rifiuti da abbancare in discarica. Siamo certi che, anche per il prossimo anno, viste anche le performances che stanno ottenendo i Comuni ed in considerazione dell’ampliamento dei servizi, il Cosmari ed i Comuni maceratesi sapranno raggiungere nuovi traguardi e sapranno conquistare nuovi importanti premi.

Comuni Ricicloni 2009 è stato realizzato da Ecosportello Rifiuti, lo sportello informativo di Legambiente per le pubbliche amministrazioni sulle raccolte differenziate, con il patrocinio del Ministero dell\'Ambiente e della Tutela del Territorio e del mare. In collaborazione con: Conai, Federambiente, Fise Assoambiente, Anci, Cial, Comieco, CoRePla, CoReVe, Rilegno, Ecodom, Ecolamp, Re.media, Achab Group, Novamont, Consorzio Italiano Compostatori, Scuola Agraria del Parco di Monza e la rivista Rifiuti Oggi.

Da sottolineare che nel corso della manifestazione dei Comuni Ricicloni è scaturito il fatto che oramai c’è una Italia che ha innestato la marcia virtuosa della legalità, delle buone pratiche a livello europeo e della protezione dell’ambiente che significa anche ritorno economico. Questo è stato possibile grazie a due fattori: un’industria efficiente del riciclo storicamente presente in Italia, povera di materie prime e un sistema industriale di produttori e utilizzatori di imballaggi che, in virtù di una buona legge, ha saputo assumersi la responsabilità affermata dal Trattato europeo: chi inquina paga.

“Nonostante i buoni e spesso ottimi risultati di molte amministrazioni che ogni anno partecipano a questo monitoraggio – ha detto Vittorio Cogliati Dezza, presidente di Legambiente - a livello nazionale sono ancora troppi i rifiuti, oltre la metà di quelli che produciamo, che finiscono in discarica con grandi differenze tra regioni e con le grandi città che arrancano. Come abbiamo ribadito più volte per migliorare è indispensabile passare dalla riduzione attraverso il sistema di tassazione a quello di tariffazione che, dove è stato applicato, ha dato risultati più che significativi”.

In conclusione un dato rilevante: con il semplice gesto di differenziare i rifiuti si ottengono due risultati rilevanti: vengono sottratti al business della discarica quasi 7 milioni di tonnellate di materiali e vengono evitate emissioni di CO2 in atmosfera; attivando servizi di raccolta differenziata i comuni che hanno partecipato a Comuni Ricicloni, compresi quelli non entrati in graduatoria, hanno evitato l’immissione in atmosfera di 2,8 milioni di tonnellate di CO2; i Comuni Ricicloni, da soli, 1.370.000 tonnellate! Per questo ogni comune avrà un proprio spazio su www.stopthefever.org il sito dove i cittadini di Stop the Fever si prendono piccoli impegni che fanno aumentare il calcolatore delle emissioni evitate. I cittadini dei Comuni che hanno aderito a Comuni Ricicloni certamente contribuiscono a far alzare il calcolatore.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-07-2009 alle 17:46 sul giornale del 18 luglio 2009 - 1358 letture

In questo articolo si parla di attualità, macerata, montelupone, potenza picena, cosmari, consorzio smaltimento rifiuti macerata





logoEV
logoEV