Poltrona Frau: lettera del presidente Capponi a Moschini

franco capponi 3' di lettura 17/07/2009 - “L’Amministrazione provinciale di Macerata vuole offrire tutto quanto è nelle sue possibilità per garantire a Poltrona Frau il sostegno necessario a svilupparsi ulteriormente senza la necessità di ricorrere a ristrutturazioni troppo cogenti che possano penalizzare nell’immediato o nel futuro il nostro territorio”.

E’ questo uno dei passaggi essenziali di una lunga lettera che il presidente della Provincia, Franco Capponi, ha inviato al presidente di Poltrona Frau, Franco Moschini. Una lettera in cui si esprimono le preoccupazioni per le notizie di stampa lette nei giorni scorsi in merito all’intenzione di Poltrona Frau di procedere ad una ristrutturazione aziendale con conseguente diminuzione delle forza lavoro diretta, di “terziarizzazione” di alcuni servizi.

Ricordando come la nuova Amministrazione provinciale ponga al centro del suo programma quinquennale una rinnovata attenzione verso le politiche del territorio, mettendo ai primi posti i temi del lavoro, dell’occupazione, dei servizi per le imprese, Capponi sottolinea il fatto che “per la comunità provinciale maceratese Poltrona Frau è molto più di un’azienda industriale; essa è parte importante della storia sociale ed economica di questo territorio”. Come più volte lo stesso Moschini ha ricordato, agli inizi degli anni ’60 - dopo aver acquisito il marchio dell’azienda che a quel tempo aveva sede a Torino ed era sulla strada della definitiva chiusura - l’attuale presidente di Poltrona Frau riuscì a ricreare le condizioni adatte a riprendere la produzione e ad onorare il prestigio internazionale che l’azienda stessa aveva raggiunto, affidandosi ai maestri pellettieri di Tolentino.

“A Tolentino – scrive Capponi – Poltrona Frau ha trovato anni fa un ottimo connubio tra le capacità manageriali e l’abilità, la competenza, l’impegno di tanti operai, veri ‘artisti’ nella lavorazione delle pelli e del legno. Una sinergia che nei decenni passati è stata la spinta della crescita continua di Poltrona Frau, oggi leader mondiale dell’arredamento e simbolo del Made in Italy. Ritengo, pertanto – continua la lettera del presidente della Provincia – che la qualità del prodotto Poltrona Frau e la maestria dei lavoratori dello stabilimento di Tolentino siano legate da una sorte di interdipendenza; inoltre il complesso della maestranze locali ritengo rappresenti un valore aggiunto per l’Azienda che solo in terra maceratese potrà essere conservato”.

Nel chiedere un incontro con lo stesso Moschini e gli azionisti di riferimento, il presidente Capponi annuncia tra l’altro la “forte volontà da parte della Provincia di investire nella formazione per avviar un circuito virtuoso e ricorrente nel campo delle ricerca e dell’innovazione, settori verso i quali Poltrona Frau è particolarmente attenta”.

Il presidente della Provincia ha inviato una lettera sull’argomento anche alle organizzazioni sindacali territoriali. Oltre ad informarle delle richiesta di un incontro inoltrata ai vertici di Poltrona Frau e dell’interessamento dell’Amministrazione provinciale per l’attuale situazione occupazionale, Capponi comunica la disponibilità all’apertura di un tavolo, sia di concertazione, sia di trattativa “con l’auspicio che la Provincia diventi ‘cassa di compensazione’ di tutte le problematiche in tema di lavoro, occupazione e formazione che possono interessare aziende, le cui realtà sono estese oltre i confini di un determinato Comune.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-07-2009 alle 17:16 sul giornale del 17 luglio 2009 - 1336 letture

In questo articolo si parla di politica, macerata, provincia di macerata, franco capponi, candidato alla presidenza della provincia di macerata





logoEV
logoEV
logoEV