Potenza Picena: minaccia il fratello con la pistola, lite familiare sedata dai Carabinieri

pistola 1' di lettura 13/05/2009 - Fondamentale l\'intervento dei Carabinieri di Civitanova in un\'appartamento di Potenza Picena. I militari hanno sedato una lite familiare che poteva finire tragicamente.

Nella notte, a causa di una lite familiare degenerata, i Carabinieri di Civitanova sono intervenuti con due autoradio rispettivamente del nucleo radiomobile civitanovese e del comando stazione di Potenza Picena in un\'abitazione di Potenza Picena. Infatti era giunta la segnalazione che uno dei due litiganti impugnasse un\'arma.


La lite, scaturita per futili motivi, tra due fratelli di 40 anni, abitanti a Potenza Picena in due abitazioni confinanti, è subito stata sedata dai militari. I carabinieri, ascoltate le testimonianze, hanno scoperto che uno dei due aveva impugnato l\'arma, puntandola contro il viso dell\'altro. Attimi di panico smorzati dalle urla dei familiari che dicevano loro che avevano chiamato i carabinieri.


L’uomo, all’arrivo tempestivo delle pattuglie, aveva riposto l’arma sotto ad un cuscino, ma era visibilmente ancora agitato. Sedate le tensioni e ristabilita la calma, i militari hanno convinto l\'uomo a consegnare loro l\'arma, regolarmente detenuta, e le munizioni. L’intero armamento è stato sottoposto a sequestro e l’uomo, incensurato, è stato deferito alla procura del capoluogo per minaccia aggravata.






Questo è un articolo pubblicato il 13-05-2009 alle 19:26 sul giornale del 13 maggio 2009 - 1375 letture

In questo articolo si parla di cronaca, potenza picena, Sudani Alice Scarpini, carabinieri di civitanova, lite familiare





logoEV
logoEV