Tredici medaglie marchigiane ai campionati giovanili indoor

4' di lettura 18/02/2009 - Due giornate da tutto esaurito al Palaindoor di Ancona letteralmente sommerso dall\'onda giovane dei 1200 atleti dei Campionati Italiani Allievi Juniores e Promesse in scena nel week-end appena trascorso. Due giornate e tre record italiani firmati da altrettante giovani speranze dell\'atletica nazionale.

A partire dall\'allievo Daniele Secci (Fiamme Gialle Simoni) a 18,86 nel peso, per proseguire con l\'8.52 dell\'ostacolista allieva Silvia Zuin (Atl. Vis Abano) e l\'immenso 1,87 nell\'alto della quasi sedicenne Alessia Trost (Atl. Brugnera Friulintagli). In mezzo momenti di pura emozione come la premiazione dell\'alto juniores maschile dove \"Sua Altezza\" Sara Simeoni si è stretta in un abbraccio tricolore sul podio con il figlio neo-campione d\'Italia Roberto Azzaro (2,11). Sempre nell\'alto premiato un altro figlio d\'arte, Davide Spigarolo, figlio dell\'olimpionica Gabriella Dorio, che ha superato quota 1,97.

Le Marche dell\'atletica non sono rimaste però a guardare. Tredici le medaglie vinte a suon di primati regionali dai nostri giovani portacolori per un totale di 4 ori, 6 argenti e 3 bronzi.

Una più bella e più speciale dell\'altra la storia dei nuovi Campioni Italiani. Lorenzo Veroli dell\'Atletica Montecassiano è uno scugnizzo sorridente con gli occhi piccoli che vive a Montefiore tra Recanati e Montefano. Ha già avuto modo di mettersi in luce all\'aperto nel 2008 sui 400hs, ma ad Ancona è proprio il caso di dire che non ha avuto né barriere né avversari. Il suo 49.89 corso con un\'incredibile disinvoltura nella finale del doppio giro di pista non solo è voluto dire la medaglia d\'oro, ma anche una delle migliori prestazioni indoor italiane di categoria. Bravo! Glielo dirà forse anche il suo tecnico Giuseppe Pigliacampo che può festeggiare pure per l\'argento nella stessa specialità dell\'azzurrina Lara Corradini, seconda tra le juniores in 56.45. L\'ostacolista Giovanni Mantovani (Sport Atl. Fermo), invece, sabato si è tolto una soddisfazione che aspettava da tempo.


Dopo una bella collezione di maglie azzurre nelle categorie giovanili, l\'allievo del prof. Alberto Andruskiewicz ha finalmente centrato l\'obiettivo del suo primo titolo tricolore, traguardo a cui in passato si era frapposta una serie di sfortunati problemi fisici. La rivincita di Mantovani è così arrivata con un fulminante ed indiscutibile 8.08. Nell\'alto juniores la sambenedettese Enrica Cipolloni (Tecno Adriatletica Marche) ritrova sicurezza e un sorriso che le illumina il volto, in assoluto uno dei più fotografati dell\'appuntamento tricolore. La saltatrice, brava specialista anche di prove multiple, allenata dal prof. Francesco Butteri ha valicato 1,78 confermando brillantemente il titolo under 20 vinto all\'aperto nel 2008. Il fermano Lorenzo Catasta onora, invece, nel migliore dei modi la sua nuova divisa delle Fiamme Gialle conquistando anche per la gioia del papà-allenatore Sergio, l\'ennesimo titolo nazionale della sua giovane carriera svettando a quota 5,10 davanti al corregionale Riccardo Lelii (Asa Ascoli Piceno) salito a 5,05 m.


Vale praticamente come un oro, invece, il 7.65 d\'argento della sprinter allieva Yessica Stortini Perez (Sport Atl. Fermo), primato regionale under 18 e soprattutto una delle migliori prestazioni della velocità under 18 di sempre, grazie a cui l\'allieva di Carlo Mattioli si conferma come una delle più promettenti frecce della velocità nazionale. Bravissima e d\'argento anche l\'ex cadetta Sofia Verducci (Sport Atl. Fermo) che dopo il titolo outdoor vinto da cadetta un anno fa, ha stampato nella sabbia del Palaindoor un 12,21 da primato personale. Nella stessa specialità la promessa ascolana Federica De Santis, neo acquisto dell\'Atletica Montecassiano ma sempre sotto la guida del tecnico Sandro Bernardi, trova ancora sulla sua strada un pizzico si sfortuna e la torinese Eleonora D\'Elicio con cui pareggia il conto dei salti con un notevole a 13,11 m, ma il secondo miglior balzo fa la differenza e assegna l\'oro all\'avversaria. Per lei la non magra consolazione di un primato regionale under 23 già suo e ora ritoccato di ben 41 centimetri. Sorprendente lo junior Leonardo Zucchini (Civitanova Track Club), seguito da Alberto Ginella, che negli 800 è secondo in 1:56.72 davanti all\'osimano Massimiliano Strappato (Atl. Amat. Osimo - 1:56.83), terzo anche nei 1500 (4:01.32). Bronzo, infine, anche per Gianmarco Tamberi (Atl. Osimo), volato a quota 2 metri.

IL MEDAGLIERE DEI MARCHIGIANI

ORO-CAMPIONI ITALIANI INDOOR 2009 (4): 400 AM: VEROLI Lorenzo (Atl. Montecassiano - 49.89). 60 Hs JM: MANTOVANI Giovanni (Sport Atl. Fermo - 8.08). ALTO JF: CIPOLLONI Enrica (Tecno Adriatletica Marche - 1.78). ASTA PM: CATASTA Lorenzo (G.A. Fiamme Gialle, Sport Atl. Fermo - 5.10).


ARGENTO (6): TRIPLO AF: VERDUCCI Sofia (Sport Atl. Fermo - 12.21). 60 AF: STORTINI PEREZ Yessica (Sport Atl. Fermo - 7.65). ASTA PM: LELII Riccardo (ASA Ascoli Piceno - 5.05). 400 JF: CORRADINI Lara (Atl. Montecassiano - 56.45). TRIPLO PF: DE SANTIS Federica (Atl. Montecassiano - 13.11). 800 JM: ZUCCHINI Leonardo (Civitanova Track Club - 1:56.72).


BRONZO (3): 800 JM: STRAPPATO Massimiliano (Atl. Amat. Osimo - 1:56.83). 1500 JM: STRAPPATO Massimiliano (Atl. Amat. Osimo - 4:01.32). ALTO AM: TAMBERI Gianmarco (Atletica Osimo - 2.00).








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-02-2009 alle 00:52 sul giornale del 17 febbraio 2009 - 1092 letture

In questo articolo si parla di sport, atletica, fidal marche