La raccolta differenziata in provincia di Macerata raggiunge quota 47%

raccolta differenziata 4' di lettura 23/01/2009 - 46,88% di raccolta differenziata su base provinciale, nello stesso mese dello scorso anno 29,85%. Con questo risultato, ottenuto nel mese di dicembre 2008, il Cosmari e la Provincia di Macerata si pongono a livelli altissimi in confronto sia delle altre province marchigiane che del centro Italia, raggiungendo e superando, come previsto, quelli che sono i limiti fissati dalla legge.

Questo importante risultato si deve ad una politica dei rifiuti congeniata in maniera unitaria tra Provincia, Comuni e Cosmari e soprattutto si deve alla perseveranza che ha portato 15 Comuni ad avviare sul proprio territorio il servizio di raccolta \"porta a porta\", contribuendo ad intraprendere una vera e propria rivoluzione nel modo di concepire i rifiuti da parte dei cittadini che, oramai, hanno ben compreso come plastica, carta e cartone, vetro, alluminio, barattolame metallico, contenitori in tetrapak, organici e oli vegetali esausti possono essere una risorsa, ossia materie da riciclare e riutilizzare, con innegabili vantaggi per l\'ambiente.


A testimonianza di questo importante fatto le percentuali raggiunte dai Comuni che, da quando hanno adottato il porta a porta, sono attualmente comprese tra il 57 e l\'80%. Da sottolineare che con questa nuova metodologia di differenziazione e raccolta domiciliare si è riusciti ad invertire i risultati raggiunti con il tradizionale sistema di raccolta fatta con i cassonetti stradali. Imparando ad utilizzare i sacchetti blu per il multimateriale leggero (per plastica, alluminio e barattolame metallico), i sacchetti di carta (per carta, cartone e tetrapak), i sacchetti in mater-bi per i rifiuti organici ed il sacchetto giallo (per tutto quello che non si può riciclare), i cittadini, quotidianamente, adottano con grande attenzione e dedizione tutte quelle buone pratiche utili per far funzionare il sistema, contribuendo ad aumentare la percentuale di raccolta differenziata e mantenendo la propria città molto più pulita, diminuendo la produzione pro-capite di rifiuti. Anche nel corso di Ecomondo, la fiera dell\'ambiente che si tiene ogni anno a Rimini, il Cosmari è stato al centro di diverse iniziative promosse con l\'intento di presentare ad un vasto pubblico il secondo rapporto sulla raccolta differenziata porta a porta.


Non meno importante anche il convegno promosso con l\'obiettivo di far conoscere la \"Proposta di nuova legge regionale in materia di gestione integrata dei rifiuti\" con la partecipazione e gli interventi di Marco Amagliani Assessore alle Politiche Ambientali della Regione Marche, dei Consiglieri regionali Francesco Comi e Franco Capponi relatori della legge per la maggioranza e la minoranza, di Carlo Migliorelli Assessore all\'Ambiente della Provincia di Macerata, di Fabio Eusebi Presidente Cosmari, di Isarema Cioni Dirigente Servizio Ambiente Regione Marche e di Giuseppe Giampaoli Direttore Cosmari. Molto seguita anche la Premiazione dei Comuni Virtuosi nella raccolta differenziata \"porta a porta\" che ha visto la consegna di importanti riconoscimenti a tutti i Comuni che si sono distinti per i risultati raggiunti.


Presenti molti amministratori e tecnici dei Comuni che, grazie a Ecomondo, hanno vissuto un momento privilegiato di confronto e di studio, così da approfondire tutti gli argomenti e tutte le esperienze presentate, anche dalle altre realtà italiane. Tanti anche gli studenti di scuole elementari, medie e superiori di tutta la provincia di Macerata che hanno affollato lo stand del Cosmari e l\'area Marche nei quattro giorni di fiera. In definitiva il 2008 ha registrato nuovi record e ottime performances in diversi ambiti, confermando il Cosmari come una realtà in continua crescita ed evoluzione, sempre al passo con i tempi, con investimenti adeguati per ammodernare gli impianti e per migliorare i servizi erogati, una realtà dinamica sempre pronta a rispondere ai bisogni dei cittadini e dei Comuni soci, preparata a stringere collaborazioni e sperimentazioni insieme ad università, enti e partner privati. Il tutto perseguendo una politica di contenimento dei costi, evitando aumenti per i cittadini, favorendo economie di scala.


Nel 2009 si prevede l\'avvio della seconda fase di ampliamento del servizio a Recanati e Porto Recanati e l\'avvio a Morrovalle, Treia e Castelraimondo.






Questo è un articolo pubblicato il 23-01-2009 alle 01:01 sul giornale del 22 gennaio 2009 - 1053 letture

In questo articolo si parla di attualità, raccolta differenziata, simone baroncia





logoEV
logoEV
logoEV