Harold Pinter, Nobel per la Letteratura, si è spento a 78 anni

2' di lettura 29/12/2008 - Nell\'ottobre 2006 in una saletta del Royal Court Theatre di Londra, per soli 86 spettatori (quindi a contatto con lui come un rito da non disperdere), Harold Pinter ha voluto proporre \"L\'ultimo nastro di Krapp\" di Samuel Beckett. Una delle ultime sue sfide alla vita, con il peso dei suoi 76 anni, in sedia a rotelle munita di motere elettrico e un tumore all\'esofago.

Furono 45 minuti in scena in quella \"tana\" di luce e ombre, attraversata da parole dal vivo e registrate nel magnetofono (particolare che per gli esegeti beckettiani è pieno di significati: Pinter ad un certo punto della pièce tira fuori un altro registratore, più piccolo. Come se volesse \"registrare\" la voce reale per una memoria futura. Vi ricordate la polemica degli eredi di Beckett sulla riproduzione filologica delle opere dell\'Autore? Lui, Pinter, Autore egli stesso, estimatore di Beckett, ha inserito in scena un altro oggetto, che raddoppia e al tempo stesso cambia, o meglio \"aggiunge\" emblematicità alla performance. E\' il teatro signori! E\' il teatro che tende sempre al cambiamento)



Drammaturgo, sceneggiatore e poeta*, con Beckett c\'era un\'amicizia e sintonia negli anni Sessanta. Ma il teatro di Pinter, straordinario nel unire l\'astrattismo e il realismo, divenne sempre più politico, strumento di denuncia e riflessione al tempo stesso.



Harold Pinter ci lascia il giorno di Natale. Come Chaplin e Strehler. Ma mi sbaglio. H.P. non ci lascia.

Ci sono i suoi testi, le sue pièce le sue poesie...



Massimo Puliani
docente DAMS Università di Bologna - Accademia B.A. di MAcerata


Nella foto: Pinter interpreta Krapp


*Aveva scritto tra l\'altro Il compleanno (1958) Il calapranzi (1960), Il Guardiano (1960). Pur concedendosi lunghe parentesi in radio, si era dedicato al cinema scrivendo nel 1976 la sceneggiatura di Ultimi fuochi di Elia Kazan e, nel 1981, della Donna del tenente francese di Karel Reisz con Jeremy Irons e Meryl Streep, poi candidato all\'Oscar. Dalle sue opere furono tratti i film Festa di compleanno (1968), Ritorno a casa (1973), Tradimenti (1983). Sul grande schermo una delle ultime apparizioni è nel film di John Boorman Il sarto di Panama (2001) accanto a Peirce Brosnan e in Sleuth - Gli insospettabili (2007) di Kenneth Branagh.

da Massimo Puliani

docente Accademia Belle Arti Macerata - Dams Bologna







Questo è un articolo pubblicato il 29-12-2008 alle 01:01 sul giornale del 29 dicembre 2008 - 1104 letture

In questo articolo si parla di cultura, massimo puliani, accademia belle arti macerata





logoEV