In libreria Il sorriso del bulldog, maliziose arguzie di Winston Churchill

2' di lettura 25/12/2008 - Esce in libreria per le feste natalizie un libro divertente e imperdibile, che raccoglie aneddoti e citazioni del grande statista inglese

Ha scritto una volta sir Winston Churchill: «Le persone ignoranti fanno bene a leggere libri di citazioni».


Di buonumore di questi tempi se ne sente un gran bisogno. Di intelligenza anche. Quando poi si uniscono ingegno e umorismo, ecco che si riesce a sorridere di (buon)gusto. Accade con Il sorriso del bulldog. Le maliziose arguzie di Winston Churchill, una divertente e istruttiva antologia di aneddoti, citazioni, frasi celebri e aforismi pronunciati dal grande statista e oratore inglese - combattivo come un bulldog - curata da Dominique Enright e tradotta da Pietro Di Muccio de Quattro, che ne firma anche l\'introduzione.


Spirito e saggezza sono dunque i due ingredienti che contribuiscono alla piacevolezza di questa raccolta esclusiva, che risulta anche un utile strumento per imparare qualcosa in più non solo sulle debolezze dell\'animo umano, ma anche sulla storia del Novecento e sulla vita e la personalità di Churchill stesso. Come scrive Di Muccio nell\'Introduzione, ne esce il ritratto di «un uomo caustico e amabile, callido e candido, semplice e complesso, determinato e fiducioso, nobile senza alterigia e modesto senza debolezza». Un centinaio di pagine divise in undici capitoli, ognuno dedicato a un diverso argomento (\"la politica\", \"amici\", \"perle scelte\", \"epigrammi\" e così via), da leggere tutte d\'un fiato oppure da sfogliare liberamente qua e là secondo il momento e il proprio gradimento personale.



Dominique Enright (a cura di), Il sorriso del bulldog. Maliziose arguzie di Winston Churchill, traduzione di Pietro Di Muccio de Quattro (collana Oche del Campidoglio, pagg. 128, euro 14,00).





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-12-2008 alle 01:01 sul giornale del 27 dicembre 2008 - 1036 letture

In questo articolo si parla di cultura, macerata, liberilibri