Il taxi sociale per agli anziani parte in via sperimentale nei comuni montani

3' di lettura 25/12/2008 - Dopo aver sperimentato con successo il servizio di compagnia e supporto telefonico \"Pronto…ti ascolto\", i 21 Comuni degli ambiti comunitari di Camerino e San Severino Marche da fine gennaio verificheranno un nuovo servizio promosso dalla Provincia di Macerata per gli anziani  ultrasessantacinquenni che vivono da soli: si tratta di un servizio di trasporto individuale facilitato, il cosiddetto \"taxi sociale\". 

Ad annunciarlo è stato il presidente della Provincia, Giulio Silenzi, nel corso dell\'incontro con la popolazione anziana del comprensorio camerte organizzato al teatro \"Marchetti\" di Camerino. Si è parlato dell\'intero progetto provinciale \"Anziani non più soli\" avviato un anno fa nel territorio delle due Comunità montane ed ora in fase di estensione al resto della provincia, ma soprattutto si è parlato del nuovo servizio di mobilità personalizzata. Lo ha spiegato Valerio Valeriani, coordinatore dei due ambiti sociali che, invitato sul palco insieme alla sociologa della Provincia, Beatrice Saltari e a Paolo Mannucci, dirigente regionale delle politiche sociali, ha spiegato il funzionamento del servizio di trasporto.


Con il finanziamento della Provincia le due Comunità montane metteranno ciascuna a disposizione due autovetture che saranno condotte da alcuni lavoratori in mobilità residenti sul territorio e quindi a conoscenza dei luoghi. Il numero verde telefonico a chiamata gratuita della Provincia 800-612.612 riceverà le richieste degli anziani che vivono soli e coordinerà il servizio di trasporto. Nella iniziale fase sperimentale è stato calcolato che potranno essere serviti circa 100 anziani che non hanno possibilità di spostarsi. Il trasporto potrà essere richiesto, con anticipo di almeno tre giorni, per recarsi ad una visita medica, per sbrigare pratiche amministrative in uffici, per andare a riscuotere la pensione o anche per fare una visita ai parenti (purché nell\'ambito del territorio delle due Comunità montane) o ai propri cari al cimitero.


\"Questo servizio - ha detto il presidente Silenzi - lo abbiamo voluto perché il relativo bisogno è emerso chiaramente dalle tante telefonate che il call-center della Provincia ha ricevuto o effettuato in questi mesi. Il \'Pronto …ti ascolto\' oltre a rendere un servizio agli anziani ha permesso così di scoprire bisogni nuovi o inespressi che la pubblica amministrazione non conosceva\".


All\'incontro di Camerino sono intervenuti il sindaco Enzo Fanelli e il presidente della Comunità montane, Luigi Gentilucci, che oltre alla disponibilità dei rispettivi enti hanno sottolineato l\'utilità sociale dell\'intero progetto \"Anziani non più soli\". Sul palco ha preso la parola anche l\'Arcivescovo, mons. Francesco Giovanni Brugraro per il quale il progetto delle Provincia fa fronte a due essenziali bisogni dell\'uomo: la \'comunione\', nel senso di rapporto e relazione, e la comunicazione. Il servizio \'pronto ti…ascolto\' e ora il \'taxi sociale\' - ha detto l\'arcivescovo - aiutano l\'anziano a conquistare le piccole cose quotidiane, a vincere la depressione e ad esprimere il bisogno di raccontare perché ogni anziano è \'custode della storia\' e deve trasmettere le sue conoscenze a chi viene dopo di lui\".


L\'incontro si è concluso con alcuni momenti di spettacolo: Renato Pasqualetti ha recitato poesie in vernacolo e il gruppo americano \"San Francisco Gospel Singers\" ha eseguito alcuni canti del loro repertorio.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-12-2008 alle 01:01 sul giornale del 27 dicembre 2008 - 1015 letture

In questo articolo si parla di attualità, macerata, provincia di macerata