Grande serata di solidarietà in favore dei bambini palestinesi ed eritrei

3' di lettura 24/12/2008 - “Anche nei momenti di difficoltà come quelli attuali, la nostra provincia non dimentica chi si trova in maggiore difficoltà ed è costretto in varie parti del mondo a vivere di stenti”. Sono le parole con cui il presidente della Provincia Giulio Silenzi ha introdotto la serata di solidarietà al teatro Lauro Rossi di Macerata, in favore dei bambini palestinesi ed eritrei.

Platea e palchi pieni di persone per questo spettacolo di musica e teatro, realizzato grazie anche alla collaborazione di alcuni importanti talenti del territorio che si sono resi disponibili ad esibirsi gratuitamente per questa occasione. Tra gli ospiti, il vescovo di Macerata, Mons. Claudio Giuliodori, che ha portato i saluti per \"questa iniziativa che mette in risalto la nostra comunità. Sia la Palestina che l\'Eritrea sono due luoghi molto legati al Natale, la prima perché è dove è nato Cristo, la seconda perché è la terra dei coopti, i cristiani più antichi della terra. In questo territorio - ha proseguito il vescovo di Macerata - ho toccato con mano una miriade di esperienze che ci caratterizzano e posso dire che si evidenzia la capacità della comunità di essere solidale\".


E le parole vengono confermate dai fatti: raccolti, al termine della serata, oltre 2mila euro, destinati al restauro di un forno a Betlemme, quello stesso forno che durante il periodo dell\'Intifada - ha ricordato Don Giorgio Zevini, preside della Facoltà di Teologia della Pontificia Università Salesiana - ha permesso di sfamare tante famiglie palestinesi\".


La serata musicale ha preso il via con il coro dei Pueri Cantores di Macerata che ha eseguito un \"Canto per i bambini palestinesi ed eritrei\", a cui hanno seguito \"Libertango\" di Piazzolla e \"Gracias a la Vida\" di Parra a cura di Cinzia e Laura Pennesi. Rosetta Martellini e Andrea Mei hanno recitato \"Capelli al vento\" - Omaggio a Joyce Lussu, mentre Sergio Carlacchiani e Riccardo Minnucci hanno portato sul palco \"Ma io ti canto\", frammenti da Garcia Lorca.


Ha chiuso lo spettacolo l\'esibizione al pianoforte di Lorenzo di Bella. Durante la serata, presentata da Luca Romagnoli, sono stati proiettati dei filmati che mostrano il lavoro che la Provincia sta svolgendo in queste terre, nell\'ambito dei progetti di cooperazione internazionale, grazie anche al contributo di molte associazioni, scuole, enti ed aziende.


Il poliambulatorio a Buya (Eritrea), il sostengo all\'Istituto Effetà di Betlemme che assiste bambini sordomuti, il restauro dell\'organo Ratisbonne, sempre a Betlemme. Oltre a Don Giorgio Zevini, ha portato la propria testimonianza la signora Zighereda Weldeghiorghis, sindaco della città di Massawa in Eritrea, la quale si è detta onorata di essere stata ospitata nella nostra terra e ha chiesto di poter trasferire alcune esperienze maceratesi in Africa, in particolare le tecnologie del Cosmari in materia di smaltimento dei rifiuti. Il suo intervento si è chiuso con un omaggio al presidente Silenzi: un oggetto in legno raffigurante un cammello, simbolo dell\'Eritrea, in quanto è un animale utilizzato per tutti i tipi di trasporto.


Nel corso della serata, che aveva per titolo \"Solidarietà senza confini\", non è mancato il pensiero per coloro che operano nel sociale a Macerata con una donazione della Provincia a favore dell\'Anffas








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-12-2008 alle 01:01 sul giornale del 24 dicembre 2008 - 865 letture

In questo articolo si parla di attualità, macerata, provincia di macerata