Grandi opere infrastrutturali nelle Marche, partono i cantieri: i provvedimenti

Almerino Mezzolani 3' di lettura 20/12/2008 - La sicurezza dei lavoratori come priorità. Un obiettivo che Regione Marche e organizzazioni sindacali intendono conseguire, all’avvio dei nuovi cantieri delle grandi opere infrastrutturali che vedranno un’accelerazione nel 2009.

Entro il primo semestre del prossimo anno, saranno a pieno regime anche i lavori della Quadrilatero e della Terza corsia autostradale A14. La Giuntaregionale ha predisposto, nel 2007, una delibera quadro (la 1542/07) per potenziare le attività di prevenzione e controllo, soprattutto a carico del Servizio sanitario regionale, in vista degli enormi investimenti infrastrutturali che interesseranno le Marche nei prossimi mesi. Il punto sulla situazione è stato fatto nel corso di un incontro tra l’assessore regionale ala Salute, Almerino Mezzolani, e le organizzazioni sindacali (Fillea Cgil, Filca Cisl, Fenea Uil).


“Stiamo mantenendo gli impegni assunti per riservare grande attenzione ai temi della sicurezza e della prevenzione sul lavoro – ha dichiarato l’assessore Mezzolani – D’intesa con i sindacati, vogliamo garantire anche un monitoraggio continuo ed efficace nei luoghi di lavoro e, in particolare, nei cantieri delle grandi opere infrastrutturali marchigiane”. Un impegno che è alla base del protocollo d’intesa, siglato nel giugno 2008, con i sindacati. Da quella data sono iniziate una serie di attività che hanno portato a selezioni per acquisire nuovo personale da destinare alle Zone territoriali dell’Asur dove sono in corso i lavori. L’Asur, attraverso al Zona 10 di Camerino, ha terminato le selezione per le figure di medico del lavoro, medico igienista, tecnico della prevenzione, assistente tecnico, assistente sanitario. Le rimanenti selezioni per ingegnere e assistente amministrativo – è stato ribadito nell’incontro – verranno terminate entro gennaio 2009, sempre tramite la Zona10. Potrà essere così assunto tutto il personale aggiuntivo previsto per Camerino (medico del lavoro, tre tecnici della prevenzione, medico igienista), Macerata (assistente tecnico ingegnere), Civitanova Marche (assistente sanitario).


La graduatoria, valida per tutto il territorio regionale – è stato assicurato – consentirà di assumere altri cinque operatori, in particolare nella Zona sanitaria di Fabriano (Quadrilatero) e Ancona (terza corsia). L’Asur ha anche avviato i progetti per aumentare l’informazione, la formazione e il controllo nei luoghi di lavoro da parte degli operati sanitari della sicurezza già in organico. Insieme a Camerino ha avviato una revisione dei bisogni di personale aggiuntivo nelle zone sanitarie interessate dalle opere infrastrutturali. Regione e Asur hanno poi definito gli standard per l’allestimento dei campi base che dovranno ospitare i lavoratori, seguendo quanto sperimentato in Piemonte, Toscana ed Emilia Romagna, dove sono state realizzate tipologie di lavori analoghe a quelle delle Marche.


Il Servizio sanitario regionale, d’intesa con la zona di Camerino - ha riferito Mezzolani - ha anche potenziato la medicina di base per assistere i lavoratori (nazionali, comunitari, extra comunitari) che arriveranno nei cantieri marchigiani. A Muccia, in particolare, è in fase di perfezionamento una convenzione con la Criper una postazione di ambulanza (che potrà trasformarsi, se necessario, in un servizio permanente) e di ultimazione una piazzola per l’eliambulanza, che verrà potenziata con quella in fase di realizzazione a Fabriano. Mezzolani si è impegnato a concordare un analogo programma di lavoro con l’Umbria, dove partiranno a breve i lavori della Quadrilatero sull’altro versante appenninico. Segnalerà, infine, il tema della vigilanza concordata tra le priorità del Comitato di coordinamento sicurezza lavoro, insediatosi lo scorso 2 dicembre 2008.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-12-2008 alle 01:01 sul giornale del 20 dicembre 2008 - 1072 letture

In questo articolo si parla di regione marche, politica, almerino mezzolani