Bcc Ostra Vetere, superbonus agevolato con un plafond di 10 milioni di euro per le famiglie e le imprese del territorio

4' di lettura 09/10/2020 - Il Superbonus introdotto dal Decreto Rilancio rappresenta una grande opportunità a disposizione delle famiglie per gli interventi di miglioramento dell’efficienza energetica e di riqualificazione antisismica degli immobili.

Manca una settimana all’avvio della piattaforma dell’Agenzia delle entrate e dell’Enea per il superbonus sulle ristrutturazioni immobiliari, con il termine fissato al 15 ottobre p.v.

Ne parliamo con il Direttore Generale della Banca di Credito Cooperativo di Ostra Vetere, il dr. Nazzareno Sabbatini.

Direttore, per quanto riguarda il superbonus è, come sembra, che tutto sia riconducibile ad una questione di prezzo di acquisto del credito?

A parità di valore di acquisto del credito, che oramai si è praticamente uniformato intorno ai 100 punti, il valore aggiunto dell’offerta della Bcc di Ostra Vetere è proprio quello di non offrire formule precostituite che obbligano il cliente a chiedere il finanziamento o a rivolgersi ad imprese e tecnici indicati dalla Banca. Separare l’acquisto del credito fiscale dal finanziamento dei lavori che l’hanno generato, garantisce una migliore fruibilità dei nuovi prodotti e risponde meglio alle diverse esigenze dei clienti che restano liberi di individuare i partner tecnici di fiducia, sia i fornitori che eseguiranno i lavori, che le professionalità coinvolte a vario titolo nel processo di maturazione del credito.

Quindi la Bcc di Ostra Vetere è già pronta ad acquistare il credito d’imposta?

La Bcc di Ostra Vetere ha messo a punto un set completo di proposte per accompagnare soci e clienti nella cessione del credito d’imposta con l’obiettivo di individuare la migliore soluzione per il cliente. Siamo in grado di rispondere a tutte le istanze dei nostri clienti in quanto, anche nella eventualità che la banca finisca per esaurire il plafond dedicato, 10 milioni di euro, potremmo cedere a nostra volta il credito alla Capogruppo, che ha messo in campo 2 miliardi di euro, rendendo di fatto l’offerta della Bcc oltremodo capiente. Un ulteriore vantaggio per i privati è la possibilità di avvalersi di una società di consulenza specializzata (Aatech) per tutti gli adempimenti burocratici, mentre nell’ambito dei servizi ai condomini abbiamo stipulato una convenzione con la società Harley Dikkinsons ed Eni Gas e Luce, primari player che garantiscono, sin dalla fase di progettazione, il buon fine dell’operazione.

Direttore, le rettifiche sui prestiti dovute al “Covid-19” hanno azzerato la reddittività delle banche, come è andato il primo semestre?

Anche se, per gli innumerevoli interventi posti a sostegno delle famiglie e delle imprese dovuti all’emergenza sanitaria e, di riflesso, economica, non siamo riusciti a replicare gli straordinari risultati dello scorso anno, ci riteniamo più che soddisfatti nell’aver conseguito un utile lordo semestrale nettamente superiore al milione di euro che ci eravamo prefissati. Passata la fase emergenziale del primo semestre, stiamo definendo le modalità di una ripartenza efficace, la più veloce possibile, in una logica di effettiva sostenibilità, al servizio delle nostre comunità, facendo leva sulla funzione inclusiva della Banca sul territorio.

In questo contesto piuttosto complicato Bcc Ostra Vetere è sufficientemente attrezzata?

Sicuramente la gravità della situazione è sotto gli occhi di tutti, ma la banca ha tutte le potenzialità per corrispondere alle necessità della Comunità.

Senza addentrarci in sterili numeri, credo che due aspetti possono meglio di altri “misurare” lo stato di salute della banca.

Il primo è che per fronteggiare l’incremento sostenuto delle masse amministrate, abbiamo incrementato la base occupazionale, in corso d’anno, di sei unità, nella convinzione che ci vuole coraggio per costruire un nuovo futuro.

Il secondo aspetto è riconducibile al recente accordo tra la FederMarche e le Organizzazioni sindacali per la determinazione del premio di risultato, che rappresenta la parte variabile degli emolumenti da corrispondere ai dipendenti. Lo stesso viene calcolato sulla base dei risultati conseguiti e su oggettivi indicatori di efficienza ed efficacia di ogni singola banca. La Bcc di Ostra Vetere è risultata la più virtuosa a livello regionale, quindi quella che ha corrisposto ai propri dipendenti l’emolumento maggiore, oltre il 50 per cento in più rispetto alla banca che ci segue.






Questo è un MESSAGGIO PUBBLICITARIO - ARTICOLO A PAGAMENTO pubblicato il 09-10-2020 alle 17:08 sul giornale del 10 ottobre 2020 - 828 letture

In questo articolo si parla di economia, redazione, pubbliredazionale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bycc

Leggi gli altri articoli della rubrica pubbliredazionale





logoEV