Fano: Drappi rossi contro la nuova strada [FOTO]: cresce la protesta dopo l’ok del consiglio comunale

2' di lettura 14/08/2020 - Ferragosto rovente nel fanese. E non soltanto per via delle temperature. Da alcuni giorni, infatti, si sono accese le proteste di diversi residenti contro la realizzazione di una nuova strada che collegherebbe la zona Trave alla statale 16, fino all’Hotel Riviera. Una soluzione che ha già trovato l’ok del consiglio comunale, e che a detta di tanti danneggerebbe l’ambiente senza arrecare nemmeno vantaggi alla viabilità. Da qui l’idea di esporre dei teli rossi in segno di disappunto, come vi mostriamo nella gallery in coda a questo articolo.

Il Partito Democratico fanese ha già provato a spiegare le ragioni di questa scelta (i dettagli), e intanto si è fatta sentire pure Legambiente con la promessa di fare chiarezza sui pro e sui contro di questa scelta. Ma i cittadini non ci stanno. Ed è per questo che da giovedì sono stato esposti dei teli rossi nella zona interessata ai lavori, sulla falsariga di quanto già accade nella parte sud della città.

“Ecco i primi drappi rossi per protestare contro la decisione insensata e devastante presa dal consiglio comunale e dalla giunta – incalzano dal comitato (qui l'inizio della protesta) -, devastando una buona fetta di patrimonio naturale della città. Peccato che il sindaco Seri non sia stato in grado di difendere i panorami tra i più belli di Fano. Anche noi vogliamo una viabilità migliore, ma senza distruggere zone fortemente vincolate come paesaggio naturale”.

Sul piede di guerra anche il Movimento 5 Stelle. “Martedì sera il consiglio comunale ha deciso di sperperare 20 milioni di euro per il proseguimento dell’interquartieri fino a Gimarra – ha detto Marta Ruggeri -, provocando uno scempio ambientale nella zona dell’Arzilla e sulle bellissime colline del Carmine, senza neppure arrivare a Pesaro e senza risolvere i problemi strutturali di traffico di Fano. La Regione Marche – ha proseguito la candidata consigliera - dovrà coordinare tutti gli enti coinvolti nella realizzazione di una nuova dorsale che, arretrando la statale adriatica da Pesaro fino a Marotta, allontanerà il traffico di attraversamento dai centri abitati, consentirà la riqualificazione dei tratti di strada sgravati dalle auto, e restituirà dignità e sicurezza ai cittadini di Fano sud, creando le condizioni per uno sviluppo turistico finora non all’altezza delle potenzialità di quelle zone”.


Segue una gallery fotografica.

Resta aggiornato in tempo reale con il nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp aggiungere il numero 350 564 1864 alla propria rubrica e inviare un messaggio - anche vuoto - allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano







Questo è un articolo pubblicato il 14-08-2020 alle 17:11 sul giornale del 17 agosto 2020 - 287 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, viabilità, protesta, articolo, Simone Celli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/btp5





logoEV