Ceriscioli taglia il nastro del nuovo reparto di allergologia, "un eccellenza di livello nazionale"

4' di lettura 29/07/2020 - Spazi per 600 metri quadrati con tre distinte aree di attesa per far sì che Civitanova continui ad essere sempre di più un polo di valenza nazionale. E’ stato il presidente della Regione Luca Ceriscioli in persona a tagliare il nastro del nuovo reparto di allergologia dell’ospedale, uno dei fiori all’occhiello della struttura di Civitanova

Un’opera costata circa 117 mila euro e che era già stata terminata a marzo, ma la cui inaugurazione è giocoforza slittata a causa dell’emergenza coronavirus, emergenza che ha visto proprio il nosocomio di Civitanova in primissima linea. Sono i numeri snocciolati dal primario Stefano Pucci a dare il metro dell’importanza di questo reparto in ottica regionale e nazionale. Nel 2019 sono state oltre 25 mila le prestazioni erogate per circa 15 mila accessi. Le visite effettuate sono state 11 mila, 8.700 direttamente a Civitanova e le altre tra gli ambulatori collegati di Camerino e Loreto e circa 1.400 i pazienti seguiti, dei quali un buon 30% proveniente anche da fuori regione.

«Questi locali e questo reparto si inseriscono in una logica di rete tra le singole aree vaste – spiega la direttrice di Asur Marche Nadia Storti, intervenuta in prima persona stante l’assenza del “dimissionario” direttore dell’Area Vasta 3 Alessandro Maccioni – con questa riapertura lanciamo un segnale di ripresa, anche se formalmente il reparto non si era mai fermato: sono andate sempre avanti le consulenze telefoniche e i casi gravi sono stati sempre presi in carico anche durante il lockdown».

Tra le novità del nuovo reparto, la gestione delle attese, suddivise su tre locali: uno riservato ai pazienti “generici”, un secondo riservato ai problemi legati agli insetti e un terzo per i pazienti con problematiche legate ai farmaci. Questi ultimi avranno a che fare con attese anche di sette ore, per questo è stato allestito all’interno del locale una piccola area bar. Inoltre l’intero smistamento sarà resto possibile dal sistema computerizzato donato dal Trust Carla Pepi con Banco Marchigiano. Il trasferimento al terzo piano ala est, nella ex rianimazione, ha consentito in generale di disporre di locali più ampi e confortevoli, favorendo una maggiore funzionalità del reparto. L’Unità Operativa usufruisce di due sale accettazioni e sette ambulatori, dotati di moderne attrezzature necessarie per la somministrazione di farmaci, immunoterapia, trattamento di eventuali reazioni. Il tutto in ambienti climatizzati e con nuovi arredi.

«Qui si è passati da un semplice ambulatorio a un reparto di valenza nazionale – sottolinea il governatore Ceriscioli – le Marche possono vantare molto eccellenze “sorprendenti” come questa ma il peccato è che ce le raccontiamo poco. Realtà come questa andrebbero promosse in modo da mettere le persone in condizioni di usarle quando è necessario. Al di là di tutte le migliorie che si possono fare, il grazie più grande va alle persone che hanno lavorato e lavorano qui, hanno dimostrato tutto il loro valore durante l’emergenza covid».

La Regione si è schierata in massa per l’atteso taglio del nastro, con la presenza di un assessore (Angelo Sciapichetti) e due consiglieri (il capogruppo dem Francesco Micucci e il verde Sandro Bisonni). Proprio Micucci ha voluto ribadire l’impegno della Regione per portare avanti i lavori per i due piani dell’ospedale non ancora completati. «Un impegno che abbiamo preso e che dovrà andare avanti anche per chi verrà nella prossima legislatura per i prossimi cinque anni», ribadisce Micucci. Per il Comune ha risposto presente l’assessore al welfare Barbara Capponi. «Allergologia è un reparto di grande eccellenza per il nostro ospedale – ha aggiunto Capponi – quello di oggi è un momento di grande rinascita perché tutti abbiamo passato un periodo molto difficile e il grazie va ai nostri sanitari che sono stati ogni giorno sul campo».

A sottolineare l’importanza del nuovo reparto anche Stefano Torresi, presidente dell’associazione “Noi allergici Odv. «L’allergia è una malattia grave ed è positivo non dover andare fuori per poterla curare – ha detto Torresi – qui a Civitanova possiamo contare su un approccio medico e della consulenza che uniscono l’aspetto umano e quello professionale».

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Civitanova.
Per Whatsapp aggiungere il numero 348.7699158 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.

Per Telegram cercare il canale @viverecivitanova o cliccare su t.me/viverecivitanova.

Sono attivi anche i nostri canali social: Facebook: facebook.com/viverecivitanova/ e Twitter: twitter.com/viv_civitanova.








Questo è un articolo pubblicato il 29-07-2020 alle 18:36 sul giornale del 30 luglio 2020 - 257 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere civitanova, articolo, marco pagliariccio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/br1n





logoEV
logoEV