Caos A14, Leonardi incalza la Regione: "Chiedano l'azzeramento dei pedaggi"

1' di lettura 06/07/2020 - La situazione sull’A14 è insostenibile: la Regione chieda l’azzeramento dei pedaggi. Ho chiesto con urgenza alla giunta regionale se ha intenzione di attivarsi per chiedere il blocco del pagamento delle tariffe e dei pedaggi.

Sostengo con forza gli appelli degli amministratori e degli utenti, a partire da Confartigianato Trasporti e di Confindustria Trasporti, che denunciano come questi enormi problemi si verifichino puntualmente da oltre un anno, a dimostrazione della scarsa attenzione della Regione e dell’incapacità di dare risposte. Rallentamenti e lunghe code per percorrere anche solo brevi tratti dell’autostrada, disagi che si riversano sulla Statale Adriatica e che soprattutto nel periodo estivo causano un ulteriore danno sull’economia già fortemente messa in ginocchio, un aggravio di costi, un evidente danno al comparto turistico e ai cittadini marchigiani, per non parlare del grave danno d’immagine per l’intera regione e per chi sta scegliendo di trascorrere le vacanze nelle Marche. Per questo martedì al question time del consiglio regionale chiederò alla giunta se ha intenzione di farsi portavoce finalmente di queste istanze e chiedere il blocco del pagamento dei pedaggi, che considero il minimo provvedimento per venire incontro agli enormi disagi di automobilisti e trasportatori

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Civitanova.
Per Whatsapp aggiungere il numero 348.7699158 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.

Per Telegram cercare il canale @viverecivitanova o cliccare su t.me/viverecivitanova.

Sono attivi anche i nostri canali social: Facebook: facebook.com/viverecivitanova/ e Twitter: twitter.com/viv_civitanova.


da Elena Leonardi
Consigliere regionale
 





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-07-2020 alle 14:30 sul giornale del 07 luglio 2020 - 267 letture

In questo articolo si parla di attualità, elena leonardi, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bpU1