Acquaroli (FdI): "AV3 lasciata fuori da implementazione terapie intensive, grave disparità di trattamento"

1' di lettura 18/06/2020 - "Il disegno della politica sanitaria della Regione Marche inizia ora a prendere maggiore definizione. Con la delibera 751 uscita oggi si implementano a 220 i posti letto di terapia intensiva regionali, postazioni che saranno a carattere definitivo in diverse strutture ospedaliere delle Marche, ad eccezione degli ospedali dell'Area Vasta 3. Perché?

Perché l’Area Vasta 3 usufruirà per tutto il periodo in cui è dichiarato lo stato d’emergenza Covid19 e quindi, a carattere solo temporaneo, della struttura del Covid Hospital, 84 posti letto fra terapia intensiva e semi intensiva. Mentre sulle altre Aree Vaste si investe a tempo indeterminato, e per tutte le patologie, per potenziare le terapie intensive e semi-intensive, per la provincia di Macerata così non è. C'è una evidente disparità di trattamento che non può essere giustificata dal fatto che nell'Area Vasta 3 esiste il Covid Hospital, poiché questa struttura è a carattere temporaneo, come sottolineato anche dalla medesima delibera e dal Piano sanitario regionale. Inoltre l'utilizzo della Fiera per finalità sanitarie è consentito solo nel dichiarato periodo di emergenza: quando l'emergenza sarà terminata la legge non consente più l'utilizzo di quegli spazi per quella finalità. Non possiamo accettare che la provincia di Macerata, assieme alle sue strutture ospedaliere, rischi di essere penalizzata perché ha ospitato il Covid Hospital, nato come centro regionale e temporaneo”.

È quanto dichiara il deputato marchigiano di Fratelli d'Italia, Francesco Acquaroli, candidato alla Presidenza della Regione Marche.


da Francesco Acquaroli
Presidente della Regione Marche





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-06-2020 alle 16:15 sul giornale del 19 giugno 2020 - 190 letture

In questo articolo si parla di attualità, Acquaroli, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/boln





logoEV