Avis lancia un appello: Continuare a prenotare le donazioni, senza perdere di vista l’importanza del plasma

2' di lettura 04/04/2020 - E’ l’invito lanciato dal Direttore del Centro nazionale sangue Giancarlo Maria Liumbruno, a seguito della massiccia risposta dei donatori, che si sono resi disponibili per le donazioni al fine di garantire sufficienti scorte in questo momento così difficile, quello di continuare a prenotare le donazioni senza dimenticare l'importanza del plasma.

-In questo periodo, per ovvie ragioni, si è data la precedenza al sangue, per far sì che i pazienti talassemici o leucemici potessero vedersi garantite le trasfusioni di cui hanno bisogno. Tuttavia, è bene ricordare che il plasma continua a rappresentare un prodotto preziosissimo per la produzione di farmaci salvavita- prosegue il direttore.

C'è poi anche il plasma utilizzato per curare il coronavirus, come terapia empirica, una pratica su cui però andare cauti perché non supportati da evidenze scientifiche.

-Un uso compassionevole del plasma in virtù di cure non ancora esistenti per questa pandemia. Si potrebbe allora ragionare, a medio termine, sull’avvio di una raccolta di plasma per ricavare immunoglobuline specifiche per la cura del Coronavirus- ci spiega.

Intanto in questo periodo tutti gli ospedali hanno rinviato le operazioni che era possibile rinviare e proprio per questo, facendo solo le urgenze, sembra che ci sia meno bisogno di donare, ma quando la fase emergenziale del covid-19 sarà finita e gli interventi riprenderanno con la solita routine sarà necessario avere donatori disponibili, pertanto chiunque voglia diventarlo può farlo.

I donatori verranno contattati come da prassi in caso di bisogno.

L’associazione si raccomanda di non dar credito alle fake che girano sui social di eventuali richieste con numeri telefonici da contattare, quindi è importante seguire sempre i canali ufficiali.

La richiesta, ricorda infine il direttore Liumbruno, resta sempre quella di continuare a prenotare le donazioni, sia di sangue o plasma, per evitare assembramenti affinchè il personale sanitario possa lavorare seguendo al meglio ogni donatore.

Il sangue è l’unica cosa che non siamo in grado ancora di riprodurre in laboratorio pertanto donare è sempre importante.






Questo è un articolo pubblicato il 04-04-2020 alle 14:50 sul giornale del 06 aprile 2020 - 189 letture

In questo articolo si parla di cronaca, articolo, Meri Desideri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bi2Y





logoEV