Stangata sulle bollette dell'acqua, Mei: "L'avevamo detto, le responsabilità sotto gli occhi di tutti"

1' di lettura 17/02/2020 - Monta la polemica in città con l’arrivo delle prime bollette dell’acqua relative alla coda del 2019. Molti cittadini hanno lamentato notevoli rincari, con cifre arrivate anche oltre il migliaio di euro per alcune famiglie e attività.

Le motivazioni? Le spiega il consigliere comunale 5 Stelle Stefano Mei: «In questi giorni stanno arrivando le bollette dell'acqua con rincari notevoli, come da noi previsto l’anno scorso – evidenzia Mei – ciò è dovuto alla scellerata posizione che la nostra amministrazione ha preso in sede Ato avallando la tariffa unica provinciale che ha portato ad un aumento delle tariffe. Ben 1,5 milioni che si sarebbero spalmati nei successivi due anni. Quindi, ricapitolando, per l’anno 2019 la supposta era stata servita ed ora arriva la supposta 2020. Noi avevamo fatto riunioni per informare, banchetti per prendere le firme contro il rincaro, e presentata una mozione affinché Atac coprisse con i suoi utili il rincaro. Chiaramente noi stando alle opposizione non possiamo decidere ma chi lo può fare ha detto no alla mozione fregandosene dei rincari, per cui se volete prendervela con qualcuno sapete benissimo con chi farlo».






Questo è un articolo pubblicato il 17-02-2020 alle 16:21 sul giornale del 18 febbraio 2020 - 2503 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere civitanova, articolo, marco pagliariccio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bgnZ





logoEV