Dati sulla popolazione, Civitanova in controtendenza: è l'unica "big" delle Marche a crescere

2' di lettura 13/02/2020 - La popolazione italiana cala, quella marchigiana pure e la provincia di Macerata non fa eccezione. Ci sono però alcune (pochissime) “isole felici” nelle quali il trend va in controtendenza e una di queste è Civitanova Marche.

Secondo i dati Istat, rielaborati dal Sole 24 Ore, nel periodo 2015-2019 la popolazione cittadina è infatti cresciuta dell’1,7%, confermandosi la città marchigiana, tra le grandi della regione, con il più alto tasso di crescita. Per far un raffronto con i soli capoluoghi di provincia, Pesaro guadagna un timido 0,4%, Ancona ha perso lo 0,5% della popolazione, Fermo l’1,6%, Macerata il 2,8%, Ascoli Piceno addirittura il 3,4%. Ma calano anche le altre grandi della costa come Fano (-0,5%) e Senigallia (-0,9%), mentre San Benedetto del Tronto resta invariata rispetto a cinque anni fa.

La crescita della quale sta godendo Civitanova, nella quale ovviamente ha avuto un ruolo importante l’aumento dei flussi viari dovuti al completamento della superstrada, sta avendo impatto di riflesso anche sui centri limitrofi. Cresce a ritmi ancora maggiori, infatti, Montecosaro, che fa registrare addirittura un +2,3% di popolazione rispetto al 2015. Posizione strategica a due passi dalla costa, allaccio alla superstrada e costi delle abitazioni decisamente più bassi ne fanno una meta sempre più ambita.

Tiene botta anche Porto Recanati, che ha fatto registrare un buon +0,4%, mentre guardando a un entroterra che si spopola sempre di più (e il terremoto non ha certo aiutato) ci sono delle anomalie interessanti. La più eclatante è quella del Comune di Fiastra, che in cinque anni ha visto crescere la sua popolazione del 18,6%, ma in questo caso non bisogna farsi ingannare: il dato è causato dall’incorporazione nel territorio comunale del centro di Acquacanina. Segni positivi “veri” li fanno invece registrare sia Belforte del Chienti (+1,8%) che Sefro (+1,2%). Per il resto, solo bilanci in rosso, con percentuali che diventano drammatiche in centri come Monte Cavallo (-18,1%) e Pioraco (-13%).






Questo è un articolo pubblicato il 13-02-2020 alle 11:05 sul giornale del 14 febbraio 2020 - 4331 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere civitanova, articolo, marco pagliariccio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bgeY





logoEV