Carassai replica a Frinconi: "Immobilismo sì, ma della vecchia Amministrazione, con il sindaco Corvatta"

3' di lettura 11/02/2020 - L’intervento dell’esponente del Pd Guido Frinconi circa il presunto abbandono e immobilismo che caratterizza la città Alta probabilmente si riferisce alla vecchia Amministrazione con il sindaco Corvatta. Purtroppo spesso la memoria è alquanto labile e cancella quello che non fa piacere ricordare.

I cinque anni d’immobilismo di chi ha retto le sorti della città prima di questa Giunta non si recuperano in pochi anni, ma ci siamo prefissi degli obiettivi per il centro storico e intendiamo portarli a termine. Preferisco non fare l’elenco delle realizzazioni o quello che è previsto nell’arco del piano triennale, perché avremo modo di tornarci adeguatamente nelle dovute occasioni. Porto solo qualche clamoroso esempio di quello che non ha fatto la passata Amministrazione, rea di non aver richiesto alcuna somma alla regione Marche dopo l’evento sismico del 2016 per i comuni fuori cratere, perché mancavano gli stampati (ci è stato riferito in Consiglio comunale) disconoscendo il fatto che le richieste dovevano essere inoltrate per via telematica.

E nessuna somma è stata richiesta per la messa in sicurezza degli edifici, che noi abbiamo eseguito con un onere economico rilevante a carico della comunità civitanovese. Ciò dimostra senza ombra di dubbio il mancato interesse del Pd per il centro storico con danni reali: i soldi per la ricostruzione cui la Giunta Corvatta ha rinunciato è un danno ben più grave di quattro transenne provvisorie dovute ai lavori che abbiamo messo in programma. Mi permetto di ricordare al signor Frinconi che questa Giunta ha ottenuto un rilevante finanziamento dalla regione Marche di 2 milioni 900 mila euro per il consolidamento e la messa in sicurezza della scuola elementare sant’Agostino, del campanile e del tetto della chiesa confinante e che 350 mila euro saranno utilizzati per la ristrutturazione di un’ala della delegazione comunale.

In merito invece ai rilievi sottolineati dalla signora Girotti, mi permetto di ricordare che purtroppo molto spesso confondono i propri interessi con quelli della collettività. Le limitazioni alla viabilità che la stessa lamenta e i lavori interminabili, a suo dire, testimoniano che l’Amministrazione sta portando a compimento i lavori nell’interesse della comunità. Il rilievo sollevato della carenza di parcheggi purtroppo non è facilmente risolvibile se non con l’utilizzo di rilevanti importi economi attualmente non disponibili. Nel caso specifico, vado errato o la signora parcheggia in un cortile di proprietà comunale disponibile tutto il giorno? In merito alle lamentele relative alle deiezioni dei cani debbo constatare con dispiacere che contro l’inciviltà delle persone esiste solo il rimedio della sanzione.

Alcuni proprietari di cani hanno trasformato nelle ore notturne le pareti di alcuni edifici di via Roma e dei vicoli in un vespasiano cielo aperto. Credo che in merito ogni commento sia superfluo. Per quanto riguarda il contenimento del numero dei piccioni, questa Amministrazione, a differenza della precedente, ha iniziato, nel rispetto della normativa, un percorso per contenere il numero dei volatili. Infine, in merito al Palazzo ducale, a seguito degli incontri con Soprintendenza e successivi sopralluoghi congiunti si è attivato un percorso con la conseguente diffida ad adempiere gli obblighi conservativi entro 60 giorni, diffida già inviata dalla Soprintendenza di Ancona.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-02-2020 alle 15:06 sul giornale del 12 febbraio 2020 - 617 letture

In questo articolo si parla di politica, civitanova marche, comune di civitanova marche, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bf0O





logoEV