Potenza Picena: PD, "Parcheggio 'scambiatore' un inganno con pesantissime conseguenze"

Pd 2' di lettura 15/11/2019 - L'escamotage trovato dalla Giunta Tartabini per far rientrare la realizzazione del parcheggio auto nel progetto della Ciclovia Adriatica è quella di definirlo come un parcheggio “scambiatore”: ma cos’è in realtà un parcheggio scambiatore e a cosa serve?

Si definiscono parcheggi scambiatori, Park and Ride, grandi parcheggi utilizzati da lavoratori e turisti per lasciare le auto fuori dal centro città così da raggiungerlo con altri mezzi pubblici alternativi; sono collocati dai 10km ai 2km dal centro città e facilmente accessibili da strade ad alto scorrimento. Park and Ride (P+R) significa letteralmente “Parcheggia e Gira” nel senso che chi vuole può lasciare l’auto e girare con altri mezzi la città. Finalità chiara di questo tipo di parcheggio è dichiaratamente quella di alleggerire il traffico nei centri urbani, non solo delle grandi città, così da contenere allo stesso tempo transito di auto e inquinamento da polveri sottili.

Può quindi il parcheggio al posto dell’ex scuola elementare in Piazza Douhet essere definito “scambiatore”? Certamente NO!! Non essendo situato fuori dal centro perde completamente la funzione di “scambio”: nessuno lascerebbe lì l’auto per prendere altri mezzi (biciclette o altro) per andare poi dove?! Siamo già in pieno centro!! Non alleggerirebbe di certo il traffico, spingendo tutti a girare intorno Piazza Douhet per cercare parcheggio appesantendo così il traffico (aggravato dal nuovo senso unico direzione sud – nord di via Lombardia) e peggiorando conseguentemente l’inquinamento del centro di Porto Potenza.

E’ fin troppo evidente che questo parcheggio con la Ciclovia Adriatica non solo non c’entra veramente niente, ma va anche radicalmente contro gli obiettivi della mobilità dolce e dell’abbattimento dell’inquinamento. Siamo convinti che i parcheggi auto, tanto più se pretendiamo di definirli “scambiatori”, a Porto Potenza Picena come in tutto il resto del mondo, vadano realizzati fuori dal centro! Voler a tutti i costi fare dell’area dell’ex scuola elementare, potenzialmente l’area di maggior pregio a Porto Potenza, un parcheggio da sfruttare sì e no due mesi l’anno significa avere scarse ambizioni e danneggiare irreparabilmente non solo Piazza Douhet ma tutto il centro di Porto Potenza: per noi l’obiettivo strategico per quell’area non può che essere quello di realizzarvi quel centro civico così necessario per la vita quotidiana di Porto Potenza, anche per ridare centralità e vitalità a Piazza Douhet e dintorni. Sottrarre furbescamente risorse alla Ciclovia Adriatica per realizzare lì il parcheggio promesso in campagna elettorale dal Sindaco Tartabini ci sembra un’operazione scorretta contro la quale ci batteremo con forza e determinazione.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-11-2019 alle 12:07 sul giornale del 16 novembre 2019 - 253 letture

In questo articolo si parla di politica, partito democratico, pd

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bcQg





logoEV