Mercatone Uno: Ciarapica,"Lavorare insieme per trovare una soluzione al problema occupazionale”

5' di lettura 07/06/2019 - Tutti i lavoratori del punto vendita del Mercatone Uno di Civitanova hanno preso parte all’incontro avvenuto venerdì con il Sindaco nella sala consiliare.

I lavoratori sono stati accompagnati dai due sindacalisti, Michela Verdecchia della FISASCAT-CISL Macerata e Marco Squartini della FILCAMS-CGIL Macerata, presente anche l’Assessore alle Attività produttive Pierpaolo Borroni.

I lavoratori hanno chiesto aiuto al Sindaco affinché possa attivarsi personalmente a livello istituzione per sollecitare il celere intervento del Ministero dello Sviluppo Economico a riconvocare un altro tavolo tecnico. Tavolo che dovrebbe trovare soluzioni affinché i lavoratori non perdano il posto di lavoro, vengano pagati per i mesi in cui hanno lavorato e affinché il Tribunale di Bologna accolga l'istanza di retrocessione sul procedimento di fallimento. Atto questo che permetterebbe l'attivazione della cassa integrazione dando quindi strumenti per poter gestire questa delicata fase di transizione. Ma soprattutto gli impiegati hanno chiesto di lavorare per recuperare la dignità perduta e la sospensione dei mutui a loro carico.

Momenti di forte commozione si sono manifestati in Aula dai loro racconti personali e dalla storia ripercorsa nei loro rapporti con il management della Shernon Holding fino alla sera precedente alla tragica comunicazione di chiusura del punto vendita con effetto immediato. “Un punto vendita, quello di Civitanova ha dichiarato una lavoratrice - saldo e in attivo, che aveva ricevuto attestati di stima e premi per gli ottimi risultati. Punto di riferimento per tanti clienti della Città e di tutte le zone limitrofe, anche per la posizione strategica che il negozio ha, vicina a tutta la rete infrastrutturale viaria senza nessun ‘competitor’ importante nelle vicinanze”. “Noi vogliamo solo lavorare – ha continuato l’impiegata - abbiamo tutti fra i 40 e 50 anni, anni difficili per ritrovare collocazione e poter arrivare alla pensione accumulata fin qui. Ci aiuti, ci aiuti anche in Comune se è possibile”. “Siamo stati assunti per il 99% dei casi nel 1999, venti anni di duro lavoro accompagnato dal sorriso, cortesia e professionalità”. Ha aggiunto un’altra lavoratrice.

“Speriamo che il Tribunale di Bologna respinga l’istanza di fallimento, altrimenti questi lavoratori non avranno neppure diritto alla cassa integrazione”. Ha ribadito Michela Verdecchia della FISASCAT-CISL. “Questi lavoratori si trovano in un ‘limbo’ che non può assicurare nessuna certezza al loro futuro. Anche a lei Sindaco chiediamo aiuto e impegno, come lo stiamo facendo nelle altre sedi istituzionali. Stesso concetto ribadito da Marco Squartini della FILCAMS-CGIL Macerata che ha aggiunto: “Ci potrebbe essere la possibilità di frazionare i punti vendita e farli acquisire da imprenditori importanti della zona, il negozio di Civitanova non ha mai avuto momenti di difficoltà”.

“L’intento della nuova proprietà era chiaro ormai a tutti”, ha continuato un altro lavoratore. “C’era l’intenzione di far fallire, nonostante le rassicurazioni date a tutti noi fino all’ultimo. Abbiamo dovuto subire l’ulteriore legittimo oltraggio dei nostri clienti affezionati i quali avevano correttamente pagato la merce. Quella merce che non è mai arrivata a destinazione”.

“Come sapete un Sindaco non ha gli strumenti per poter decidere di accedere agli ammortizzatori sociali o influire sulle decisioni che spettano ai tribunali, come nel vostro caso. Così è intervenuto il Sindaco Ciarapica ascoltando attentamente tutte le voci presenti. “Poiché lo scorso aprile, come sapete meglio di me e purtroppo, il tribunale di Milano ha decretato il fallimento della Shernon Holding, nuova proprietaria del Mercatone Uno, chiudendo nelle sole Marche, tre punti vendita, compreso il nostro, e lasciando nella totale incertezza circa 150 lavoratori. In tutta Italia, mi risultano che siano 55 i punti vendita dello storico marchio chiuso con oltre 1800 lavoratori a rischio”.

“Il vostro caso nasce da lontano, da almeno 5 anni in cui si erano già evidenziate criticità a causa delle difficoltà operative, finanziarie e gestionali in cui si era trovato ad operare il Mercatone, e la precedente proprietà era andata in crisi tanto che il Governo precedente era dovuto intervenire trovando un acquirente, la Shernon Holding, che si è rivelata totalmente inaffidabile. So che le strade possibili da intraprendere sono tre. Il primo è relativo al Tribunale di Bologna che accogliendo l'istanza di retrocessione sul procedimento di fallimento permetterebbe l'attivazione della cassa integrazione dando quindi strumenti per poter gestire questa fase.

Il secondo, nel caso in cui dal Tribunale arrivasse una risposta diversa si potrà intraprendere, un percorso condiviso insieme alle parti sociali chiedendo una nuova convocazione del tavolo al Mise per l'attivazione di strumenti straordinari a sostegno dei lavoratori nonostante il fallimento dell'azienda. Per ultimo, ci sarebbero gli strumenti regionali di ricollocamento, ma l'auspicio, mio e di tutti è quello di poter risolvere la questione con i primi due passaggi in maniera più utile, significativa e incisiva. Ho seguito ieri anche le dichiarazioni del nostro Governatore che andavano in questa direzione”

“Per quanto mi riguarda, personalmente, ieri ho scritto una lettera al Ministro dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, per sensibilizzarlo su questa difficile vicenda, affinché nel più breve tempo possibile, riconvochi il Tavolo tecnico al MISE, per richiamare l’attenzione e chiedere il massimo sforzo possibile verso una soluzione in tutela di voi lavoratori e dei fornitori coinvolti”.

“Al Dicastero, ad oggi, non è stato ancora calendarizzato il prossimo incontro. La mia testimonianza di oggi vuole rappresentare vicinanza e solidarietà e per ciò che potrò fare sarò al vostro fianco. L’ho fatto ieri con la lettera al Ministro che vi ho consegnato, vorrei anche che oggi qui non ci siano divisioni politiche né tanto meno strumentalizzazioni di parte”. “Ognuno – ha aggiunto il Sindaco - pur nella differenza delle opinioni e delle ideologie deve mettere a disposizione le proprie capacità di relazione, le conoscenze, le influenze le e possibili soluzioni per evitare che tutti voi rimaniate senza lavoro. E con voi altri 1800 vostri colleghi sparsi in tutta Italia. Oggi - ha concluso - non è tempo di divisioni, lo ripeto, dobbiamo essere tutti uniti e portare avanti una battaglia condivisa nel bene di tutti voi”.

L’incontro, seppur nella drammaticità del momento, si è chiuso con gesti di stima e ringraziamento al Sindaco per la disponibilità al dialogo.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-06-2019 alle 16:06 sul giornale del 08 giugno 2019 - 283 letture

In questo articolo si parla di attualità, civitanova marche, comune di civitanova marche, mercatone uno

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a8m0