Recanati: per gli studenti del Liceo una lezione di prevenzione alle droghe e all’alcol

14/03/2019 - Oltre 150 studenti del Liceo Linguistico e Scientifico di Recanati hanno assistito con particolare interesse ed attenzione ad un fuori programma scolastico durante l’assemblea d’Istituto tenuta lo scorso fine settimana: una lezione di prevenzione alle droghe e all’alcol.

Per questa lezione è salito in cattedra il “professore” Diego Besozzi, operatore della comunità Narconon Astore di Fabriano che in materia di droghe e alcol può essere ritenuto, suo malgrado, un vero esperto e profondo conoscitore, avendo studiato, ma anche trascorso molti anni della sua giovinezza da tossicodipendente, prima di riabilitarsi grazie al programma Narconon.

Diego, dopo essersi riabilitato, si è formato come educatore della prevenzione e porta la sua testimonianza nelle scuole raccontando agli studenti gli oscuri periodi della sua vita con le droghe e gli alcolici e quali sono le spaventose conseguenze del loro abuso. Diego Besozzi è anche l’autore del libro “La Rondine di Hastings” disponibile sulle principali piattaforme online, dove racconta la sua rinascita e quella di una decina di ex-tossicodipendenti che si sono salvati dalle droghe dopo la loro permanenza al centro Narconon.

Come tutti i precedenti studenti anche quelli del Liceo di Recanati hanno appreso ciò che l’uso di queste sostanze causano a livello fisico e mentale, quali dolorose conseguenze procura la tossicodipendenza a se e ai propri cari, che non c’è nessuna differenza fra droga leggera e pesante e soprattutto hanno capito quali sono le vere informazioni su queste sostanze smascherando le ipocrisie di cui sono ammantate.

Studenti e docenti hanno profondamente gradito la lezione di Diego perché le informazioni ricevute permettono di riflettere con la propria testa e non illudersi sui benefici che le droghe falsamente promettono. Estremamente apprezzata è stata l’interazione di Diego con i presenti perché ha permesso di avere a disposizione una testimonianza vera, di chi, nel tunnel della droga ci è caduto davvero, ma ne è anche uscito, arrivando poi, in oltre 15 anni di attività presso il centro Narconon Astore ad aiutare centinaia di persone.

Le dichiarazioni anonime rilasciate dagli studenti al termine della conferenza non lasciano ombra di dubbio sulla validità di questo intervento educativo:

“Grazie a questo incontro potrò aiutare gli altri, diffondere informazioni corrette, raccontare l’esperienza di oggi e la storia di Diego. E’ stato l’unico incontro utile sulle droghe.”

“Penso sia importantissimo parlare e soprattutto ascoltare gli altri, qualsiasi sia la loro esperienza, per capire delle cose che non sappiamo e non immaginiamo. Diego è stato bravissimo penso che mi ricorderò di lui (positivamente) per sempre.”

“Potrò usare queste informazioni per essere in grado di avere maggiore coscienza critica e forza di fronte alle tentazioni che il mondo di oggi ci mette davanti.”

“Sicuramente sono insegnamenti, informazioni che nel futuro mi aiuteranno a guardare a questo tema con una prospettiva diversa. Non è stata la solita lezione alla ‘non lo fate, vi fa male’. Normalmente questo tipo di incontri ripetono cose già sapute e non lasciano nulla. Oggi è stato diverso. Complimenti.”

“Grazie al bellissimo e toccante discorso di Diego adesso so cosa comporta l’uso di droghe.”

“Nel caso in cui si abbia già fatto o si faccia uso di droghe, l’incontro sarà servito come motivazione per smettere e convincersi del fatto che ce la si può fare. Nel caso in cui non si abbia mai fatto uso di droghe continuate così. GRANDE DIEGO!!”

“Oggi ho capito che niente è impossibile. Ho capito che discriminare è sciocco perché dietro un volto si nascondono mille ragioni e mille possibilità.”

“Sarò più capace di fare scelte migliori. Mi rimarrà nel cuore l’esperienza. Grazie.”

Dopo questa lezione di prevenzione, dalla soddisfazione dei docenti e soprattutto dalle dichiarazioni rilasciate dagli studenti è indiscutibile la valenza altamente positiva ed istruttiva di questi incontri educativi. Riteniamo che la Pubblica Istruzione e gli organismi delegati alla programmazione scolastica dovrebbero prendere seriamente in considerazione l’inserimento nei programmi annuali di specifiche lezioni di prevenzione, perché una semplice lezione oggi potrebbe evitare le “dolorose cadute” di domani.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-03-2019 alle 10:14 sul giornale del 15 marzo 2019 - 266 letture

In questo articolo si parla di attualità, fabriano, narconon astore onlus

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a5iF