Potenza Picena: M5S contro le barriere ferroviarie

2' di lettura 28/02/2019 - Domenica 3 Marzo in Piazza Douhet raccoglieremo le firme per dire NO alla realizzazione di barriere antirumore lungo la linea ferroviaria a Porto Potenza.

Sette km di barriere antirumore, del tutto simili a quelle istallate lungo le autostrade, verranno realizzate lungo tutto il tratto ferroviario che interessa Porto Potenza.

Si tratta di pannelli cosiddetti fonoassorbenti che avranno una altezza media di 7 metri (vanno da 4 a 10 metri) costruiti in calcestruzzo alleggerito con leca e pannelli fonoassorbenti in vetro stratificato antisfondamento. Verranno costruiti in ottemperanza ad una direttiva della U.E. del 2000 volta a ridurre l’inquinamento acustico.

La direttiva U.E. prevedeva in primis l’ammodernamento del materiale rotabile ferroviario e delle rotaie e in seconda battuta la costruzione di barriere antirumore.

Se l’ammodernamento in Italia è in parte avvenuto per molti dei treni passeggeri delle Ferrovie dello Stato, lo stesso non è avvenuto per i treni merci, affidati negli anni in concessione a privati, e mai ammodernati, per cui in Italia abbiamo in circolazione materiale rotabile, specie quello dei treni merci, vetusto e responsabile in gran parte dell’inquinamento acustico ferroviario.

Le Ferrovie dello Stato hanno in programma di disporre lungo tutto il tratto della linea ferroviaria adriatica, da Bologna a Bari, delle barriere antirumore, e possiamo solo immaginare il danno non solo d’immagine, ma anche ambientale che potranno provocare nelle Città rivierasche come a Porto Potenza, escludendo la vista del mare a Cittadini e Turisti.

Non ci bastava nello spazio di poche centinaia di metri sopportare la linea ferroviaria adriatica, la statale 16 e l’autostrada A 14, adesso pure una barriera di cemento e vetro a soffocare una Città già troppo penalizzata.

Pertanto Domenica 3 Marzo raccoglieremo in Piazza Douhet le firme da portare in Regione per rafforzare il NO già espresso da altre Comunità di Cittadini che risiedono lungo la fascia adriatica.

Inoltre come Gruppo Consiliare abbiamo presentato una mozione affinché tutte le forze politiche possano esprimersi con forza contro la realizzazione di un’opera tanto impattante il nostro territorio, invocando la salvaguardia del paesaggio, della vocazione turistica del territorio e della salubrità dell’aria, e chiedendo che sia la stessa Rete Ferroviaria Italiana a “intervenire prioritariamente sulla sorgente del rumore, ossia sui treni e sulle rotaie applicando le moderne tecniche insonorizzanti”.

Inoltre riteniamo che sia prioritario che le Ferrovie dello Stato dotino la Stazione di Porto Potenza di una sala d’aspetto decorosa, di una pensilina e di incrementare le fermate dei treni locali. Questo è quello che vogliono i Cittadini.


da Movimento 5 Stelle Potenza Picena
www.potenzapicena5stelle.it





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-02-2019 alle 10:36 sul giornale del 01 marzo 2019 - 236 letture

In questo articolo si parla di attualità, potenza picena, barriere antirumore, M5S Potenza Picena

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a4KV