Spaccio: due arresti, oltre 500 le cessioni documentate dai carabinieri

carabinieri 26/10/2018 - Giovedì a Civitanova Marche, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile, diretti dal Ten. Mario Giannella e coordinati dal Magg. Enzo Marinelli, in esecuzione di un ordine di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Macerata, Dott. Claudio Bonifazi, che concordava con le risultanze investigative dirette dal Sost. Procuratore della Repubblica Dott. Enrico Riccioni, hanno arrestato due persone per spaccio di sostanze stupefacenti in concorso

Si tratta di M. B., 29enne, tunisino, residente a Civitanova Marche, mentre a carico del coindagato un italiano 36enne, residente Civitanova Marche è stata disposta la misura cautelare dell’obbligo della presentazione alla polizia giudiziaria.

Le misure sono scaturite da investigazioni poste in essere dall’inizio dell’anno a seguito del sequestro ad alcuni tossicodipendenti di alcune dosi di eroina e che, oltre a servizi di osservazione, controllo e pedinamento, ha consentito il sequestro di stupefacente a carico dell’italiano di alcune dosi di stupefacente, dimostrando, da luglio 2017 ad aprile 2018, cinquecentosettanta cessioni di sostanze stupefacenti tra eroina e marijuana per circa duecento grammi e 11.000 euro di valore.

Per cercare di eludere le investigazioni, il tunisino si faceva chiamare nel mondo dei tossicodipendenti “Mario” e per effettuare le consegne, si faceva accompagnare dall’italiano a bordo della sua auto, che in cambio riceveva la dose oppure denaro, e trasportava le palline di eroina in bocca per poi consegnarle di volta in volta all’acquirente e in caso di controlli da parte dei Carabinieri era pronto ad ingoiarle così da non farle sequestrare.

Nella perquisizione operata contestualmente all’arresto, presso l’abitazione del tunisino sono stati rinvenuti e sequestrati 13,5 grammi di hashish, pertanto è stato denunciato anche per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Dopo le operazioni di fotosegnalamento il tunisino è stato portato presso la propria abitazione in regime degli arresti domiciliari.


di Sara Santini
redazione@viveremarche.it





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-10-2018 alle 09:28 sul giornale del 27 ottobre 2018 - 229 letture

In questo articolo si parla di attualità, carabinieri, redazione, Sara Santini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aZMI