Nuovo percorso d’arte per la sala Arnoldo Ciarrocchi

24/07/2018 - Cinquanta opere inedite per il nuovo percorso d’arte della sala Ciarrocchi. Questa mattina, nella Pinacoteca civica “M. Moretti” di Civitanova Alta, è stato presentato il nuovo allestimento (che sarà inaugurato domenica 29 luglio, ore 19), dalla direttrice Enrica Bruni, dall’assessore alla Cultura Maika Gabellieri e dal presidente TDiC Aldo Santori.

“Arnoldo Ciarrocchi ha uno spazio stabilito ed esclusivo qui nella Pinocoteca di Civitanova Alta - ha affermato la direttrice -. Questa esposizione è legata alla mostra antologica esistente ed è focalizzata sui ritratti. Sono stati avviati anche progetti che entreranno nel piano di studi delle scuole, con laboratori riservati agli studenti”.

Vivace e poliedrico esponente del ’900 italiano, Ciarrocchi ha saputo svelare lo spirito, la natura, i gesti, le atmosfere e le fisionomie di questo territorio, traducendo il sentimento e la memoria con il suo tratto singolare.

Incisioni, disegni, acquerelli e pitture ad olio esaltano il mare e le colline, il borgo natio, gli incontri e le passioni, la luce e la vita. La Pinacoteca civica, su iniziativa della direttrice Enrica Bruni, ha raccolto l’eredità artistica del Maestro e ha scelto di contribuire a valorizzare, attraverso il contatto diretto con le opere, il suo sapere e la sua arte.

“Ogni singolo pezzo è frutto di una attenta selezione - ha dichiarato l’assessore Gabellieri - per far conoscere la figura di Ciarrocchi. Il nostro intento è creare poli museali in connessione tra loro, con le scuole e la cittadinanza. La cultura deve dialogare con le persone, sopratutto con i giovani”.

La mostra propone all’attenzione del pubblico un genere, quello del ritratto, che percorre tutta la lunga carriera di Ciarrocchi, vedendolo attivo in vari ambiti tecnici.

“Tutti i numerosi ritratti eseguiti dall’artista nell’arco di settanta anni di attività - ha scritto il curatore Stefano Papetti - non si limitano a riprodurre l’aspetto fisico della persona rappresentata, ma ne indagano in profondità le complesse trame psicologiche: come suggeriva di fare Bernini, Ciarrocchi non sottoponeva i suoi modelli ad estenuanti sedute di posa, ma preferiva vivere accanto a loro, vederli muovere, parlare, gesticolare per cogliere un aspetto unico del loro modo di essere. Il ritratto è dunque per il Maestro una sorta di seduta psicanalitica ed anche per questo motivo l’artista marchigiano ci appare perfettamente inserito in un contesto culturale che non può non tenere conto del progresso della ricerca scientifica nel campo della psiche”. Tra i lavori anche ritratti del campione sportivo Gino Bartoli e del saggista e poeta Ezra Pound, conosciuti personalmente da Ciarrocchi.

Ha concluso il presidente Santori: “Un grazie doveroso alla professionalità della Bruni che, insieme al prof. Papetti, ha individuato le opere da esporre e un ringraziamento a Rinalda Mori Ciarrocchi che ha reso possibile, con la sua disponibilità, accendere i riflettori su uno dei maggiori ritrattisti del Novecento italiano”.

La mostra sarà allestita per un anno e seguirà gli orari di apertura della Pinacoteca (9-13, dal lunedì al sabato). Aperture straordinarie sono previste durante le festività e i vari appuntamenti culturali della città. Ingresso gratuito. Info: 0733/891019.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-07-2018 alle 11:27 sul giornale del 25 luglio 2018 - 269 letture

In questo articolo si parla di cultura, civitanova marche, comune di civitanova marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aWUy