Porto Potenza Picena: arrestato spacciatore pakistano, sequestrati oltre 200 grammi di eroina

16/04/2018 - Nell’ambito dell’ incessante attività di contrasto al fenomeno dello spaccio di stupefacenti in provincia, nella notte del 14 aprile scorso, il personale della Squadra Mobile della Questura di Macerata diretta dal Vice Questore Aggiunto Dr. Alessandro Albini al termine di una intensa attività di indagine conclusasi con pedinamenti ed appostamenti protrattisi per ore, ha tratto in arresto un pakistano P.A. di 31 anni, soggetto trovato nella flagranza del reato di detenzione di stupefacenti al fine di spaccio.

L'uomo era attenzionato da tempo in quanto ritenuto spacciatore di ingenti quantitativi di eroina nel territorio maceratese e fermano. In tale ottica nella giornata prefestiva è iniziata una operazione congiunta di ricerca del veicolo in uso al cittadino pakistano che è stato rintracciato nelle prime ore del pomeriggio nella città di Recanati. L’uomo è stato pedinato costantemente fino alle successive ore 23.30, allorche’ valutata la situazione gli agenti hanno ritenuto di far scattare l’operazione e procedere al controllo dello stesso.

Arrivato infatti presso un distributore di carburanti a Porto Potenza Picena P.A. è stato visto avvicinarsi ad un giovane che era in attesa nei pressi a bordo della sua autovettura. A questo punto ritenendo verosimile che si stesse per concretizzare lo scambio di stupefacenti, si è deciso di intervenire. Accortosi della presenza degli operatori di Polizia il cittadino pakistano ha cercato di disfarsi di un grosso involucro che ha gettato in terra nel tentativo di occultarlo al di sotto degli altri veicoli presenti in loco, azione che però non sfuggiva agli agenti i quali subito lo recuperavano.

L’intuizione investigativa si è mostrato sin da subito positiva. Veniva infatti recuperato un ovulo di cospicue dimensioni contenente oltre due etti e mezzo di eroina purissima del valore sul mercato di circa 25.000 euro. Il cittadino pakistano veniva tratto quindi in arresto e posto a disposizione della competente A.G. ed associato alla Casa Circondariale “Montacuto” di Ancona. Sono tuttora in corso attività sul territorio da parte degli investigatori al fine di ricostruire la rete dei soggetti coinvolti nella illecita attività.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-04-2018 alle 15:21 sul giornale del 17 aprile 2018 - 333 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aTEh