Recanati: comitato ospedale, un sacco di carbone agli amministratori di Comune, Regione Marche e Asur

07/01/2018 - La Befana, rigorosamente a bordo della sua scopa rispettando così anche la ztl, è giunta sabato mattina sia in piazza Leopardi che davanti a quello che rimane dell’ospedale cittadino con un bel sacco di carbone per tutti quelli amministratori comunali e regionali che non si sono impegnati a sufficienza a difendere e migliorare la sanità del territorio.

L’iniziativa, organizzata dal Comitato Cittadino “Salviamo il punto di primo Intervento”, ha, ancora una volta, l’obiettivo di tenere alta e viva fra la cittadinanza la volontà di portare avanti il progetto, contenuto nella petizione popolare sottoscritta da circa 4000 cittadini e più volte manifestata nelle numerose iniziative pubbliche che si sono svolte in questo ultimo anno, di salvare non solo il servizio di emergenza dell’ospedale Santa Lucia ma anche di far riacquistare al nosocomio cittadino almeno alcuni posti letto di tipo ospedaliero, oggi sostituiti dalle cure intermedie, che potrebbero servire ad alleviare il disagio di migliaia di utenti del territorio in attesa che entrino in funzioni le nuove strutture.

La Befana con il suo sacco pieno di carbone, è andata a piedi dall’ospedale Santa Lucia sino in piazza Leopardi dove era in corso il mercato settimanale. Il suo passaggio è stato salutato calorosamente da molti cittadini che hanno condiviso l’iniziativa del Comitato mentre i più piccoli si sono avvicinati alla vecchiarella facendosi fotografare dai loro genitori. Alla fine della mattinata un sacco di carbone è stato lasciato sotto la Torre del Borgo e davanti l’ingresso dell’ospedale di comunità Santa Lucia.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-01-2018 alle 15:08 sul giornale del 08 gennaio 2018 - 237 letture

In questo articolo si parla di politica, recanati, befana, ospedale di recanati, comitato ospedale recanati

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aQrN