Vivere a 4 Zampe: Smiley, il cane cieco col sorriso stampato in faccia

Smiley, golden retriever cieco che aiuta i bambini disabili 3' di lettura 29/03/2015 - La sua storia è stata raccontata dalle maggiori televisioni americane ed è riuscita a sorvolare l'oceano, ispirando tutti i continenti. Stiamo parlando di Smiley, un cane nato cieco e che per questo ha rischiato di essere soppresso, ma che con un gesto d'amore è stato riscattato e oggi aiuta bambini disabili come lui.

Smiley è un crogiolo di dolcezza e gioia e la sua espressione sembra essere sempre felice, come se fosse disegnata da un bambino che vuole ritrarre un volto sorridente. Questo perchè a Smiley hanno dovuto asportare i bulbi oculari e chiudere le palpebre, a causa di una rara malattia che questo Golden Retriever di 12 anni ha fin dalla nascita.

Nato in un allevamento canadese, i suoi proprietari stavano per decidere di sopprimerlo, dato che nessuno voleva adottarlo. Ma a riscrivere il finale di questa storia drammatica è Joanne, che alla CBC ha dichiarato: "tutti mi dicevano che un cane cieco sarebbe stato difficile da allevare, che sarebbe stato un peso in più. Invece io pensavo che dovessere avere una seconda possibilità e l'ho adottato".

In seguito alle operazioni per risolvere i problemi oculari, Smiley è stato addestrato ed è diventato il migliore amico di tanti bambini affetti da disabilità o difficoltà a leggere. La sua presenza rassicura i bambini e la sua espressione sorridente lo rende simpatico anche ai più timorosi, tanto da diventare il pupillo del programma 'Paws for Stories' della St. John Ambulance e suo maggiore promotore. Anne, curatrice del progetto che aiuta tantissimi bambini, sostiene che "sì, hanno successo anche i cani che abbiamo avuto in precedenza. Ma Smiley... i bambini semplicemente lo adorano e abbiamo avuto un incremento esponenziale di adesioni da quando è presente".

Le cose sono tornate ad essere difficili, per Smiley, quando ha cominciato ad accusare forti dolori alla parte inferiore della schiena, dolori che non gli permettono più di compiere azioni semplici come saltare sull'auto o correre liberamente. In seguito ad esami molto costosi, i veterinari gli hanno diagnosticato una grave compressione spinale che gli provoca dolori lancinanti. Problemi come questo insorgono, generalemnte, quando i cani vengono sottoposti ad esercizi fisici estremente impegnativi: non è il caso di Smiley, data la sua disabilità.

L'unica spiegazione sembra essere il suo continuo scodinzolare per salutare le persone ed elargire felicità senza sosta. Tuttavia, la soluzione risiede in un intervento chirurgico molto delicato, una spesa che la sua proprietaria, da sola, non riesce ad affrontare. Smiley, però, di amici se ne è fatti tanti in questi anni e non ci è voluto molto prima che si mettesse in moto una catena di volontari che stanno raccogliendo fondi per finanziare l'intervento. Le prime persone a mobilitarsi sono state proprio i suoi concittadini, che lo conoscono e lo amano, e le famiglie dei bambini a cui quotidianamente regala sorrisi e scodinzolii.


di Arianna Baccani
redazione@viverecivitanova.it







Questo è un articolo pubblicato il 29-03-2015 alle 17:19 sul giornale del 30 marzo 2015 - 2685 letture

In questo articolo si parla di attualità, articolo, Arianna Baccani, golden retriever, Smiley

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ahoZ

Leggi gli altri articoli della rubrica Vivere a 4 zampe





logoEV
logoEV