Porto Recanati: battuta la cementificazione del Burchio e con essa la cattiva politica

Parco del Burchio, Recanati 1' di lettura 23/11/2014 - Italia Nostra Marche festeggia con i cittadini di Montarice, la vittoria contro la cementificazione del Burchio di Porto Recanati.

Undici consiglieri comunali - in testa il sindaco Montali - hanno votato contro tale cementificazione voluta dalla precedente amministrazione e supportata in quest’ultimo anno da un fronte trasversale di politici e amministratori, anche di parte opposta, con il cambio di campo, a favore della cementificazione, perfino di alcuni esponenti e consiglieri che avevano appoggiato la candidatura del nuovo sindaco Montali. Una situazione sulla quale sarebbe forse opportuna una indagine della magistratura ed una riflessione dei cittadini.

L’amministrazione comunale, eletta pochi mesi fa dai cittadini di Porto Recanati, ha mantenuto gli impegni presi con gli elettori. Cosa ha sorretto il sindaco in questa situazione che ha visto a favore della lottizzazione anche una scorretta campagna di stampa da parte di un quotidiano locale che non ha dato voce alle altre posizioni?

Noi pensiamo la volontà di mantenere gli impegni presi di fronte ai cittadini, come dichiarato dal sindaco Montali, ed il sostegno di questi ultimi che così come Italia Nostra non hanno fatto mancare il proprio continuo appoggio.

E’ questo “tipo” di classe politica, attenta al bene comune ed ai veri interessi dei cittadini, scevra da condizionamenti degli ambienti economici speculativi, che dovrà essere premiata dagli elettori marchigiani nelle elezioni regionali del 2015.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-11-2014 alle 23:49 sul giornale del 24 novembre 2014 - 1165 letture

In questo articolo si parla di politica, porto recanati, amministrazione comunale, cementificazione, Burchio, montali

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/abW8