Potenza Picena: Città Futura, 'serve una politica di contrasto alle droghe'

arresto 2' di lettura 03/11/2014 - Gli arresti per droga, spacci, detenzione effettuati dalle forze dell’ordine a Potenza Picena sono un preoccupante campanello di allarme che si aggiunge ad altri gravi fatti delittuosi e di micro criminalità. I Potentini sono giustamente preoccupati e meritano attenzione, risposte ed iniziative da parte di tutte le istituzioni utili alla prevenzione e al loro contrasto.

La nostra Città è cresciuta in modo importante e con tutte le sue contraddizioni si trova in un contesto più ampio entrando di fatto in in un tessuto sociale, urbanistico e culturale di carattere metropolitano. Una condizione complessa e difficile che la inserisce in nuove nuove emergenze di carattere negativo con problematiche sociali generali che la uniformano ad altre realtà costiere: difficoltà occupazionali, disoccupazione giovanile, micro criminalità, droghe, sicurezza, ecc.

Certamente a Potenza Picena sono largamente presenti elementi di coesione sociale e un forte associazionismo laico e religioso ma le nuove emergenze alcune delle quali più insidiose non debbono essere sottovalutate e vanno monitorate.

Il fenomeno della diffusione delle droghe e la criminalità a questa associata deve far alzare il livello di attenzione di tutte le istituzioni locali e mettere in campo verifiche, coordinamenti, iniziative capaci di porre il problema della sicurezza al centro di iniziative concrete di prevenzione e di contrasto all’illegalità.

Siamo perfettamente consapevoli che il Comune,l'amministrazione comunale non hanno strumenti operativi importanti da frapporre a questo stato di cose. L’amministrazione comunale ha comunque alcuni strumenti che debbono essere rafforzati e altri che debbono essere attivati. Ne elenchiamo alcuni: di verifica attraverso i suoi uffici di residenze anomale; di porre in essere e implementare una rete di video sorveglianza in zone strategiche e nei luoghi pubblici e nelle Frazioni; di potenziare gli strumenti e le dotazioni del corpo dei Vigili Urbani; di iniziative di informazione, ecc.; di monitoraggio dell’intero territorio.

Ormai la situazione che vive la nostra comunità impone che questi aspetti della sicurezza in senso lato non solo una consapevolezza generale ma che questa si trasformi in iniziative concrete. In questo senso sono importanti le attività che svolgono il mondo associativo laico e religioso Potentino impegnati in una iniziativa che possiamo definire di supporto e coesione sociale.

Oggi siamo certi che occorre fare di più e che sia giunto il momento di porre questa situazione come una priorità cittadina. Alcune misure urgenti le abbiamo indicate ora è tempo che su queste venga istituito una sorta di tavolo operativo di confronto e di verifica dove dovrebbero periodicamente sedere i rappresentanti del Comune,le forze dell’ordine, i rappresentanti del mondo associativo del volontariato sociale , della Scuola e della Sanità legata alle patologie cura riabilitazione delle Tossicodipendenze.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-11-2014 alle 22:51 sul giornale del 04 novembre 2014 - 591 letture

In questo articolo si parla di droga, politica, potenza picena, La Città Futura

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aaY1