PdCI: 'Si individui presto una persona capace di sostenere i progetti avviati dall'ex assessore Sglavo'

Partito dei Comunisti Italiani 1' di lettura 18/11/2013 - Appresa l'intenzione del Sindaco di non riassegnare nell'immediato la delega ai servizi sociali, per un riassetto del servizio stesso, il PdCI avanza una proposta alternativa. Chiediamo l'individuazione di una figura con ruolo di responsabilità a garanzia della continuità di servizio per il breve (così auspichiamo che sia) periodo necessario alla sua riorganizzazione.

Dopo aver accertato un rallentamento dei servizi come quello dell'emporio della solidarietà e non volendo interferire con le dinamiche politiche interne alla giunta, ma volendo preservare i cittadini più deboli e colpiti dalla crisi economica, chiediamo un atto di responsabilità da parte del Sindaco. Si individui in maniera celere una persona capace di mantenere e sostenere i progetti già avviati dall'ex assessore Sglavo.

Questi ritardi amministrativi non possono essere tollerati nei servizi sociali i quali, attualmente, svolgono un ruolo fondamentale e centrale per la nostra città. Inoltre chiediamo al Sindaco Corvatta di attuare i punti programmatici a sostegno dei commercianti locali che sono alle prese con difficoltà sempre più pesanti. Ricordiamo che nel programma dell'attuale maggioranza si richiamava alla proposta di un centro commerciale all'aperto e di una mobilità sostenibile che, ad oggi, non è stata attuata né pianamente né parzialmente.

Anche qui il PdCI avanza una proposta al Sindaco. Per rilanciare il commercio locale si preveda la gratuità di spazi per un'esposizione all'aperto della merce dei vari negozi locali. L'esenzione dalla tassa per l'occupazione di suolo pubblico potrebbe essere un ottimo incentivo per iniziare un nuovo modo di ripensare il commercio locale, sfruttando le capacità stesse dei commercianti. Dopo l'applicazione dell'aliquota massima alle attività commerciali, ci sembra opportuno incentivare, attraverso una riduzione delle tasse comunali, il commercio locale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-11-2013 alle 18:01 sul giornale del 19 novembre 2013 - 883 letture

In questo articolo si parla di politica, pdci, Partito dei Comunisti Italiani

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/UGq


liberi e forti

21 novembre, 11:59
Comune di Civitanova Marche
Comune di Pontinia


Pontinia, 20. 11. 13

La Signorina Antonella Sglavo, assessore del
PD di Civitanova Marche, in una conversazione privata con un ex compagno
di classe, ha fatto alcune esternazioni personali, risultate poi poco
gradite ai suoi compagni di partito che ora ne chiedono le dimissioni.


Con la passione e la sincerità che si usa nelle conversazioni con chi
non si vedeva da tempo - i compagni di classe, gli amici d'infanzia, i
commilitoni del militare - la Signorina ha affermato, tra le altre cose,
come sia delusa dai Marchigiani, ha elogiato il governo borbonico (e
perché non avrebbe dovuto farlo, visto il bene che questo ha fatto al
popolo?) ed infine ha rimpianto il Duce, Benito Mussolini.


L'Associazione Liberi e Forti, che non guarda tanto ai colori delle
bandiere, quanto alla concretezza dei fatti, esprime la propria
vicinanza alla Sglavo, vuoi perché le sue sono riflessioni personali,
proferite con spontaneità e leggerezza, vuoi perché non riteniamo che si
tratti di affermazioni tanto gravi da meritare una sua espulsione dal
Consiglio Comunale.

Anzi, l'operato della Signorina Sglavo - impegnata
nel sociale ed attenta alle reali esigenze della sua città - ci sembra
particolarmente meritorio e ce la rende decisamente più simpatica di
molti politici di professione che - molto più attenti di lei in quello
che dicono - non sono altrettanto lodevoli per quello che (non) fanno.


L'Associazione Liberi e Forti, quindi, esprime la propria solidarietà
a questa giovane amministratrice ed invita i politici locali e non, a
guardare ai fatti, più che alle chiacchiere fatte tra amici.

Associazione Liberi e Forti
Il Presidente
Anitori Giuseppe




logoEV