Alluvioni: Marinelli, 'Più fondi in bilancio per la sicurezza del territorio'

bilancio 1' di lettura 14/11/2013 - Le ultime piogge ci costringono a rivalutare l'attuale dotazione del bilancio del Comune di Civitanova nei confronti della manutenzione di ponti, fossi e caditoie.

Le calamità ormai non sono più eccezionali, il clima è cambiato profondamente e le cosiddette 'bombe d'acqua' non sono più fenomeni eccezionali ma eventi che vanno previsti ogni anno in un bilancio di un Comune serio. Certo, un Comune che a novembre non ha fatto ancora il bilancio preventivo non so se possa dirsi serio, tuttavia invito da ora il Sindaco ad aumentare la dotazione economica per la manutenzione di fossi e fognature per evitare allagamenti.

Civitanova è una città particolarmente esposta dal punto di vista meteorologico, di fronte al mare, strozzata fra tre sottopassi, altamente urbanizzata e attaccata alla. È perciò necessario per la sicurezza dei cittadini che qui si investa di più in salvaguardia del territorio rispetto ad altre parti. Ad aprile 2011 il nostro Comune si trovò impreparato nei confronti dell'alluvione del marzo dello stesso anno. In quell'occasione non era stata programmata la ricarica annuale delle scogliere che ogni anno affondano nella sabbia facendo diventare soffolte quelle emerse.

A livello regionale già dal 2010 lavoro sugli interventi realizzati dalla Regione Marche a protezione del fosso Caronte ma non possiamo delegare solo ad altri Enti la salvaguardia del nostro territorio.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-11-2013 alle 16:16 sul giornale del 15 novembre 2013 - 685 letture

In questo articolo si parla di politica, bilancio, pdl, erminio marinelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Ut8