Civitanova: successo per il debutto di Civitanova Danza

22/07/2013 - È stata una vera e propria festa della danza quella che ha inaugurato sabato 20 agosto la ventesima edizione del festival internazionale Civitanova Danza dedicato al Maestro Enrico Cecchetti, originario della città marchigiana e promosso da Comune di Civitanova Marche, Teatri di Civitanova, AMAT in collaborazione con Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Macerata, Camera di Commercio di Macerata, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Marche e Provincia di Macerata.

Ad aprire la ricca giornata di eventi è stato Civitanova Danza Focus, un incontro dal titolo Emergere / Essere giovani realizzato in collaborazione con ADEP / FEDERDANZA (AGIS) al quale sono intervenuti importanti relatori tra i quali Francesca Bernabini (giornalista e presidente Federdanza-AGIS), Selina Bassini (direttore artistico, con Monica Francia, di CantieriDanza) e il coreografo e direttore della Biennale Danza di Venezia Virgilio Sieni.

La giornata è proseguita con l’apprezzata esibizione delle scuole di danza della città (Accademia di Danza Swanilda, Centro Culturale del Balletto, Effort Danza, Laboratorio Danzaì, Marvellous Dance, Nura Danza, Oregon Tape Crew, Scuola Danza Caterina Ricci) che hanno animato il piazzale antistante il Lido Cluana con coreografie coinvolgenti e partecipate. La full immersion nei teatri è iniziata da un gremito Teatro Annibal Caro che ha ospitato l’atteso debutto in prima assoluta di Pinocchio di Virgilio Sieni, uno spettacolo fuori da ogni logica razionale e pieno di poesia, in cui uno straordinario performer non vedente – Giuseppe Comuniello – ha interpretato con la partecipazione di un bambino di 6 anni civitanovese, Jacopo Catini, una fiaba sulla nascita e la crescita dell’uomo alla ricerca dell’origine dei sensi. Dall’Annibal Caro al Teatro Rossini per l’attesissimo spettacolo-evento Robot! della coreografa francese Blanca Li in prima italiana al festival (dopo Civitanova Marche l’altra unica data italiana è il 22 luglio a Bolzano). Robot! è stato una vera e propria festa per gli occhi, “uno spettacolo adatto a tutti perché divertente e sorprendente”, come ha sottolineato la stessa coreografa spagnola di adozione francese. Robot umanoidi (detti NAO) e ballerini hanno letteralmente rapito lo spettatore in uno spettacolo unico e entusiasmante realizzato in collaborazione con Ambasciata di Francia / Institut francais nell’ambito del festival France Danse (www.institutfrancais-italia.com).

La conclusione della serata al Teatro Cecchetti è stata con un altro debutto in prima assoluta. Masako Matsushita, giovane performer e coreografa pesarese formatasi a Londra, ha presentato la sua nuova creazione De visu in situ motus, un incontro tra due esistenze – in scena Masako e la mamma - che si confrontano tra loro passando attraverso intervalli non calcolati e momenti non riconosciuti, continuando a ricercare il compimento del proprio essere. L’inaugurazione del festival ha suscitato molto interesse in ambito nazionale. Moltissimi gli operatori del settore presenti alle prime, solo per citarne alcuni ricordiamo: Annalea Antolini della Fondazione Romaeuropa, Maurizia Settembri di Fabbricaeuropa Firenze, Marinella Guatterini critico di danza de “Il Sole 24 Ore”, Silvia Poletti critico di danza, Gemma di Tullio del Teatro Pubblico Pugliese, Giacomo Cirella direttore del Teatro Comunale di Vicenza, Donatella Ferrante del Ministero per i Beni e le Attività Culturale, Silvano Patacca Direttore Teatro Verdi di Pisa, Luisa Cuttini direttore del circuito danza della Lombardia e tanti altri.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-07-2013 alle 21:21 sul giornale del 23 luglio 2013 - 2429 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, civitanova marche, civitanova danza

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/PLF