Comunali: L'Acc vuole un rappresentante a Palazzo Sforza. Gironacci: 'Presto sveleremo il nome'

ACC 2' di lettura 22/03/2012 - Presenteranno presto un loro nome i commercianti civitanovesi, che vogliono garantirsi che hanno annunciato nell'incontro di mercoledí sera al Miramare la volontá di avere un proprio rappresentante a Palazzo Sforza.

Presenti all'incontro, a porte chiuse, i commercianti civitanovesi, della rete ACC e non, il presidente ACC Patrizia Capriotto , Manola Gironacci. Tra i relatori, Luigi Settembretti che ha presentato una relazione sul marketing territoriale e Sergio Gismondi con proposte e possibili soluzioni di condivisione allargata. Ha detto Manola Gironacci: "Uno dei più interessanti centri del commercio delle Marche e dell’Italia centrale, sta facendo passi indietro, e' ora di decidere e di pianificare il proprio sviluppo in maniera armonica e razionale. Tante eccellenze in ogni attività; commerciale, artigianale, professionale , racchiuse in uno “spazio difficile”, sentono la necessità di aprire un dialogo tra loro e di seguito con i residenti, gli amministratori e i tecnici per una sopravvivenza comune.

Il centro storico è luogo sociale molto particolare, che vive di delicati equilibri tra gli spazi a organizzazione pubblica e privata, nonché di compromessi tra strutture edilizie e infrastrutture antiche ed esigenze moderne. Noi vorremmo apportare il nostro contributo indicando possibili soluzioni per rendere più vivibile questo Ambiente, partendo dall’arredo urbano, dai parcheggi e della viabilità. Speriamo che dalle nostre proposte, dalla raccolta di energie, si possa iniziare un percorso operativo concreto con un programma condiviso, che permetta a medio termine di vivere , lavorare e accogliere meglio in questo luogo." Continua la Gironacci, ”Qualcosa e' stato fatto, non tantissimo, ma esser stati presenti a stuzzicare il fianco dell'amministrazione ha contribuito all’attuazione di alcune scelte che fossero più eque e più vicine alle nostre esigenze. L'idea principale, quello che vogliamo raggiungere, é il coinvolgimento, delle attività del nostro distretto”.

Diverse le inziative passate che hanno portato il marchio ACC non da ultima la richiesta di ristabilire la viabilità precedente sulla deviazione effettuata del corso e con svolta obbligatoria a destra. “Per ottenere quei pochi risultati ci hanno fatto girare come trottole da un ufficio all'altro senza mai nulla di scritto – ha ricordato la Gironacci - senza mai un verbale come documento e con un dispendio di forze e tempo per chi come noi dovrebbe stare dietro al bancone a servire i propri clienti. Dopo tre anni di porte sbattute e verità negate, sentiamo come commercianti il bisogno di dare maggiore forza alla nostra rappresentanza.” Proprio in vigore di questa rappresentanza necessaria, l'ACC presenterá presto un 'candidato' per le comunali, “una persona, senza volto, senza nome e senza bandiera al momento” ha ricordato la Gironacci "ma che verrá presto svelato"






Questo è un articolo pubblicato il 22-03-2012 alle 18:22 sul giornale del 23 marzo 2012 - 879 letture

In questo articolo si parla di politica, civitanova marche, comunali, elisa tomassini, acc, manola gironacci, luigi settembretti, patrizia capriotto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/wPW