Incidenti stradali causati da cinghiali, nota dell'amministrazione provinciale

cinghiale 2' di lettura 16/03/2012 - L’annoso problema degli incidenti stradali causati da cinghiali e da altri animali selvatici solleva ogni volta dibattiti circa l’individuazione del responsabile civile che deve rispondere dei danni. La giurisprudenza non è affatto univoca in materia: esistono autorevoli pronunce diversamente orientate e che individuano perlopiù una responsabilità regionale.

La Provincia di Macerata, che da anni è fortemente impegnata per il contrasto e la limitazione del fenomeno degli incidenti stradali causati da animali selvatici, interviene con la nota che segue per chiarire, anche in relazione a recenti articoli di stampa, la propria azione ed il proprio operato.

“In primo luogo – ricorda l’Amministrazione provinciale – è stata attuata un’attività di prevenzione attraverso la campagna d’informazione sul genere delle esperienze adottate con simili modalità da altre Regioni come la Lombardia e altre Province, ad esempio Torino. E’ evidente che la Provincia ha operato nella gestione della fauna compatibilmente con i fondi regionali disponibili negli anni sempre decrescenti e per lo specifico scopo erogati in una sola occasione, in presenza di un quadro normativo necessariamente complesso che consente la gestione della fauna e in particolare l’attività di controllo (abbattimenti) solo a determinate condizioni.

Sin dal 2009 il territorio provinciale è stato suddiviso in tre fasce, ai fini delle gestione della fauna selvatica: l’area di eradicazione (bassa collina e costiera ), l’area di controllo (media collina) e l’area di conservazione (zona montana). Ogni area è stata, a sua volta, suddivisa in distretti di gestione dove operano unità costituite da squadre di cacciatori abilitati. Circa i mezzi di contrasto è stata installata segnaletica di pericolo e dissuasori (dispositivi in grado di scoraggiare l’attraversamento dell’animale) che sono stati apposti nelle strade più a rischio e poi estesi progressivamente a più tratte stradali. Tale attività, per la quale la Provincia ha faticosamente riservato un apposito fondo in bilancio, è tuttora in corso e si sta studiando la possibilità di attuare altri mezzi di contrasto, atteso che l’installazione di guardrail, alla luce delle esperienze di altri enti, si è rivelata inadeguata allo scopo.

Emerge pertanto che l’azione della Provincia non possa che continuare sui binari già tracciati e sicuramente perfezionata e rafforzata per quanto possibile, tenendo tuttavia presente la necessità del contemperamento degli interessi dei cittadini, del mondo venatorio agricolo e ambientale e avuto riguardo che Regioni come la Toscana e l’Emilia-Romagna, all’avanguardia in materia, governano similmente il problema pur essendo ben lungi dall’averlo definitivamente risolto”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-03-2012 alle 13:47 sul giornale del 17 marzo 2012 - 589 letture

In questo articolo si parla di attualità, macerata, provincia di macerata

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/wyq