Giorgi (IDV)/Bigoni (PD): 'comportamento coerente, ritirarsi dalle primarie'

Elezioni 2' di lettura 12/03/2012 - C'è un fatto degno di nota nelle primarie per la candidatura a Sindaco di Civitanova Marche, ed è la storia di una donna, Catia Bigoni. Una donna che posso solo stimare per la coerenza, rara in questa vicenda, che l'ha contraddistinta.

Catia, dirigente del Pd civitanovese, esponente della minoranza, ha deciso di candidarsi alle primarie convinta della validità democratica di questo strumento (valutazione che non condivido ma che rispetto) e la sua candidatura racconta una donna entusiasta che crede nella necessità del rinnovamento e nei suoi strumenti per incarnarlo. Ma le "ambiguità e i paradossi" come lei stessa li ha definiti, che stanno caratterizzando queste primarie civitanovesi, l'hanno portata a compiere quella che per lei è stata una scelta difficile, ritirarsi dalle primarie e dimettersi dal suo stesso partito.

La Bigoni ha parlato del paradosso del Segretario cittadino - candidato, Silenzi, che si è disegnato le primarie a sua immagine e somiglianza, nei tempi e nei modi, per uscirne unico vincitore: la stessa cosa che Italia dei Valori ha sempre denunciato e per questo ha rifiutato di partecipare alle primarie di coalizione. Ma la denuncia di Catia nei confronti del comportamento di Silenzi: la mancanza di traspartenza, l'arroganza, il conflitto di interessi, il proliferare di spartizione e giochi di potere tipici della vecchia politica, non è stata unica. Basti pensare agli attacchi contro Silenzi di chi si oppone a lui in queste primarie, salvo poi garantirgli il sostegno qualora sia il candidato Sindaco uscente. Ma c'è un distinguo che fa onore alla Bigoni.

L'essersi ritirata dalle primarie e dimessa dal suo partito, rinunciando alla visibilità di una campagna elettorale, per coerenza verso le proprie denunce , ma rimanendo a disposizione della città per la sua candidatura a Sindaco per cambiare un percorso già segnato. Ho sempre denunciato, così come tutto il mio partito, l'Italia dei Valori, l'arroganza con cui Silenzi sta conducendo questa fase preelettorale incentrando tutto sulle sue ambizioni umiliando e dividendo il Pd e il centrosinistra e uccidendo la prospettiva di una vittoria di questo per una rinascita etica, culturale e sociale di Civitanova Marche. La vicenda di Catia e la sua coerenza siano materia di riflessione per tanti.


da Paola Giorgi
Consigliere regionale IDV




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-03-2012 alle 18:24 sul giornale del 13 marzo 2012 - 987 letture

In questo articolo si parla di elezioni, politica, civitanova marche, pd, primarie, Paola Giorgi, catia bigoni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/wny





logoEV