Recanati: SEL aderisce allo sciopero nazionale del 9 marzo indetto dai metalmeccanici della FIOM-CGIL

Sel 4' di lettura 07/03/2012 - Sinistra Ecologia e Libertà aderisce allo sciopero nazionale del 9 marzo indetto dai metalmeccanici della FIOM- CGIL e alla manifestazione di ROMA in Piazza San Giovanni sarà presente anche una delegazione di SEL Recanati. Non facciamo gli “struzzi” ci saremo e ci schieriamo come forza del CentroSinistra a fianco della FIOM. Il nostro obiettivo è creare le condizioni per una svolta nella Politica economica, far pagare chi non ha mai pagato e puntare ad un diverso modello di “sviluppo” del Paese .

Per fare questo , di fronte ad un pressoché totale unanimismo rispetto ai provvedimenti da “macelleria sociale” del governo Monti , la FIOM rappresenta un presidio di democrazia e ora piu’ che mai occorre una forte mobilitazione sociale e di massa . Non per dire No immotivati ma, per dire SI ad un altro modello economico e sociale, possibile, oggi, in Europa e in Italia. Le ultime misure prese dal governo si aggiungono al taglio delle pensioni e all’allungamento dell’età pensionabile, alla riformulazione ICI/IMU sulla casa, all’accisa su benzina e gas, ai tagli e agli aumenti delle tasse locali, al programmato ulteriore aumento dell’IVA. Le cosiddette “liberalizzazioni” di Monti lasciano sostanzialmente intatti i poteri e i profitti di compagnie di assicurazione, banche, società autostrade, compagnie petrolifere e grandi gruppi commerciali e di distribuzione.

“Non va tanto bene” il negoziato sul “mercato” del lavoro mentre si assiste , complice il silenzio della maggioranza parlamentare, all’attacco dei diritti dei lavoratori dipendenti e della stessa FIOM ad opera della FIAT-CHRYSLER di Marchionne & C. Questi i punti che contestiamo e che vorremmo modificare:

AUTOSTRADE Solo per i nuovi tronchi nuova modalità tariffaria, forse più conveniente. Per le autostrade esistenti – la quasi totalità – tutto resta come prima e con gli aumenti. Gli attuali grandi concessionari ringraziano.

PETROLIERI Per la gran parte degli impianti di distribuzione – di proprietà delle Compagnie petrolifere di cui una nelle Marche– non è previsto nessun obbligo di vendita e non c'è possibilità di libero rifornimento. E comunque per tutti i gestori valgono – al momento – i contratti in vigore. E intanto il prezzo della benzina vola anche per l'abnorme aumento dell'accisa deciso dal governo.Si viaggia verso i 2 € !

ASSICURAZIONI AUTO Saltata la figura di un agente rappresentante di diverse società e presentatore imparziale di proposte alternative fra cui scegliere la migliore. Resta agente di una sola compagnia e ha solo “l'obbligo” di informare su tre proposte. Secondo voi cosa di farà vedere? Alle assicurazioni inoltre è stata regalata ( per i danni fisici lievi) una forte riduzione dei costi. Si dice che ciò si ripercuoterà positivamente sulle tariffe pagate dagli automobilisti bravi (senza incidenti); non è stata però stabilita una riduzione automatica per legge ( il 5 o il 10% per esempio), essa è demandata al contratto: occhi aperti. Ancora: si dice che chi mette la scatola nera usufruirà di uno sconto. Peccato che la decisione sulla installazione spetta unicamente all'assicurazione.

BANCHE C'è stata una positiva limatura per i conti correnti senza costo per i pensionati sotto 1.500 euro. La rivolta delle banche sull'azzeramento delle commissioni bancarie sta costringendo il governo e i partiti della maggioranza a fare marcia indietro e a riportare tutto come prima. Insomma poco o niente a fronte dell'incredibile regalo di centinaia di miliardi di euro, da parte della BCE, al favoloso tasso dell'1% che esse impegnano per titoli di stato o prestiti ai cittadini e piccoli imprenditori (quando va bene) a tassi enormemente superiori, guadagnandoci senza nessun sforzo. Per quanto riguarda poi le polizze sui mutui le banche, oltre a quella “ propria”, dovrebbero presentarne altre due. Cosa vi farà vedere? È stato aggiunto il diritto del cliente a proporre la polizza più conveniente che la banca non può rifiutare. Ma se poi salta il mutuo di cui ha bisogno? Cosa succederà? Facile intuirlo!

GRANDI GRUPPI COMMERCIALI il totale far-West sulle giornate e sugli orari di apertura degli esercizi commerciali metterà in grande difficoltà i piccoli esercenti e i lavoratori dipendenti a vantaggio delle grandi catene.

SERVIZI PUBBLICI LOCALI Si rende più stringente la normativa per obbligare alla liberalizzazione/ privatizzazione dei servizi pubblici locali. La gestione “in house” viene praticamente liquidata. Privati e grandi gruppi bussano alle porte, alla faccia della chiara volontà popolare referendaria. Per chi volesse partecipare alla manifestazione di Roma si organizzano Pullman che partono dalle principali città della Provincia di Macerata , contattare la segreteria Fiom-CGIL allo 0733245711. Info: Sel Recanati http://www.facebook.com/#!/profile.php?id=100001782208597






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-03-2012 alle 17:35 sul giornale del 08 marzo 2012 - 1246 letture

In questo articolo si parla di politica, sciopero, recanati, fiom, SeL, SEL recanati, sinstra ecologia libertá

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/wbQ





logoEV