Restano in carcere i due cittadini del Bangladesh accusati di accoltellamento in centro

carcere 1' di lettura 10/11/2011 -

Convalidato l’arresto per Alam Mongor di 26 anni e Faruk Mohammed di 31 anni, i due uomini originari del Bangladesh che, sabato scorso avrebbero sfregiato un connazionale a scopo di rapina in pieno centro a Civitanova.



Per i due è stata disposta la custodia nel carcere di Montacuto, sebbene essi abbiano negato ogni responsabilità affermando che non avevano partecipato alla rapina né alla rissa, ma che erano arrivati sul posto solo dopo che i fatti erano stati compiuti. Resta invece libero, sebbene gli investigatori siano sulle sue traccie, il terzo cittadino del Bangladesh, che secondo gli inquirenti sarebbe l’autore materiale sia dell’aggressione con l’arma da taglio sia della rissa, U.M. di 36 anni.

L'episodio è accaduto di sabato sera poco distante dal bar La Galleria, nei pressi di piazza XX Settembre, in pieno verso le 20.30, un'ora nella quale il centro era ancora brulicante di persone che hanno assistito alla scena.

Secondo la ricostruzione il malcapitato sarebbe stato avvicinato da tre connazionali che gli avrebbero sfilato il giubbotto dove custodiva una parte dell'incasso della mattinata frutto del suo lavoro di ambulante. Al tentativo di fuga dell'uomo si è scatenata la rissa, mentre uno lo teneva gli altri due lo picchiavano, poi M.U. (in probabile stati di ebbrezza) avrebbe tirato fuori il coltello e dopo aver sfregiato il connazionale si sarebbe dato alla fuga con il bottino: 460 euro e un telefono cellulare.






Questo è un articolo pubblicato il 10-11-2011 alle 18:37 sul giornale del 11 novembre 2011 - 735 letture

In questo articolo si parla di cronaca, rapina, civitanova marche, carcere, montacuto, rissa, coltello, accoltellamento, elisa tomassini, piazza xx settembre, sbarre

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/rws