Porto Recanati: Sangue dalle finestre dell'Hotel House. Ma era solo carne marcia

Carabinieri 1' di lettura 09/11/2011 -

I Carabinieri della Compagnia di Civitanova Marche hanno ricevuto nel pomeriggio una segnalazione, da parte di alcuni residenti dell’hotel house di Porto Recanati, di sangue che grondava dalle finestre di un appartamento.



Sono subito partite in emergenza due pattuglie della Stazione di Porto Recanati che, giunte sul posto hanno avvistato dall’esterno l’appartamento segnalato, agli ultimi piani del grattacielo multietnico, individuandolo fra i 500 esistenti. Una volta entrati i carabinieri, che sapevano che l'appartamento era abitato da una nigeriana che in questi ultimi tempi non si era più vista girovagare, hanno avvertito un terribile odore di carne putrefatta.

Esercitato l’accesso forzoso, temendo il peggio, hanno però subito chiarito l’arcano: l’appartamento era in stato di abbandono ed il frigorifero, senza la corrente elettrica, conteneva alcuni pezzi di carne per cucina che, putrefatti, avevano gocciolato sangue riversandosi sul pavimento del balcone da cui era “piovuto” ai piani di sotto. Superata l’emergenza, fortunatamente rivelatasi vana, i militari hanno informato l’amministratore del condominio per attivare le procedure di pulizia e disinfezione.






Questo è un articolo pubblicato il 09-11-2011 alle 19:24 sul giornale del 10 novembre 2011 - 852 letture

In questo articolo si parla di cronaca, immigrati, carabinieri, porto recanati, sangue, hotel house, elisa tomassini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/rtv