Spola lungo l'adriatica per portare donne a prostituirsi: arrestato un civitanovese

Prostituzione 1' di lettura 14/05/2011 -

La Squadra Mobile della Questura di Macerata ha arrestato nella serata di venerdì 13 maggio a Civitanova Marche, B.G., civitanovese di anni 40, responsabile di sfruttamento della prostituzione.



Gli agenti stavano alle calcagna dell'uomo già da qualche tempo e nel corso di precedenti servizi, volti a contrastare il triste fenomeno della prostituzione delle romene lungo la SS 16 adriatica, erano riusciti ad acquisire importanti elementi contro di lui.

Dalle indagini fatte sono infatti emerse prove schiaccianti secondo cui l’arrestato era solito favorire concretamente la prostituzione di tali ragazze, alcune delle quali domiciliate a Civitanova Marche.

Gli agenti hanno dunque sorvegliato l'uomo e lo hanno pedinato venerdì scorso per confermare i sospetti e l'indagine ha dato i suoi frutti: l’uomo raggiungeva Civitanova Marche in auto per prelevare una cittadina romena, nota prostituta conosciuta dagli agenti, e portarla lungo la SS 16 nel territorio del comune di Porto Sant’Elpidio, a poche centinaia di metri dal confine provinciale per prostituirsi. La “spola” veniva ripetuta dall'uomo altre due volte “posizionando” anche in questo caso, dopo averle prelevate una da Civitanova Marche e una da Porto Sant’Elpidio, le donne lungo la SS 16 in atteggiamento inequivocabile.

Accertata la flagranza del reato gli agenti hanno arrestato l'uomo per condurlo nel carcere di Ancona-Montacuto.






Questo è un articolo pubblicato il 14-05-2011 alle 21:11 sul giornale del 16 maggio 2011 - 1361 letture

In questo articolo si parla di cronaca, prostituzione, prostitute, civitanova, questura, porto sant'Elpidio, statale adriatica, elisa tomassini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/kN9





logoEV