L'Unifestival piace alla città

3' di lettura 12/05/2011 -

Coinvolti anche i bar e i negozi del centro storico Piace alla città l'Unifestival, il festival degli studenti universitari che si terrà la prossima settimana da mercoledì fino alla notte bianca di venerdì, 18-20 maggio. Organizzato dagli stessi studenti, con il supporto tecnico, logistico e promozionale dell’Ateneo maceratese, l’evento ha ricevuto il patrocinio da Regione Marche, Provincia e Comune.



“Macerata – commenta il sindaco Romano Carancini - è felice di accogliere e di vivere questo evento. Il Festival sarà un incontro di giovani organizzato per raccontare le loro storie, per confrontarsi attraverso un dialogo interculturale e multidisciplinare fatto di attività ricreative, musica e spettacoli, ma che contempla anche alti momenti culturali che vedranno presenti nella nostra città tanti personaggi di spicco. Questo evento sarà anche un momento vero di integrazione degli universitari, un’autentica risorsa per Macerata, con i giovani della città ma non solo.

Esso, infatti, rappresenta anche un elemento nuovo e di fondamentale importanza per continuare a costruire un percorso comune che vede coinvolti l’Università, le istituzioni locali e la città”. In prima fila nel supporto offerto, anche il vicesindaco e assessore alla cultura Irene Manzi. “Sono convinta della valida opportunità che il Festival offrirà alla nostra città per rafforzare il rapporto con essa e proseguire la proficua collaborazione tra i due contesti. Si tratta di un importante momento di sintesi culturale che va a rafforzare quella relazione di necessità e reciprocità esistente tra Macerata e l'ateneo”, spiega. Unifestival rinnova anche il legame tra l’Ateneo e Musicultura, che ha permesso l’esibizione del duo Iotatòla, composto dalle palermitane Serena Ganci e Simona Norato, vincitrici della scorsa edizione del Festival per la canzone popolare e d'autore: un’altra perla che, insieme al concerto di Beatrice Antolini, arricchirà ulteriormente il programma della notte bianca di venerdì. “Ci piace che la già attiva e vivace collaborazione con l’università di Macerata ed i suoi ragazzi abbia un ulteriore punto di incontro nella programmazione di questo desiderato Unifestival.

La proposta artistica delle Iotatola ha trionfato a Musicultura e sta imponendosi nel mondo della musica di qualità”ribadisce il direttore artistico Piero Cesanelli. Unifestival, oltre ad aver ricevuto il prezioso sostegno di Banca Marche, Mcm distribuzione automatica, Sasp autolinee, Tipografia San Giuseppe e DueA illuminazioni, ha coinvolto anche bar e negozi del centro storico. Diciassette sono, infatti, i locali che durante i giorni del festival alle 19 prepareranno uno speciale aperitivo a tema: Armadillo, Bar Centrale, Caffè del Corso, Caffè Venanazetti, Bar Ezio, Doppio Zero, Faber Cafè, La Tazza d'Oro, La Tazza Ladra, Magacacao, Bar Maracuja, Bar Mercurio, Bar Miss X, Pathos, Da Pierino, Romcaffè, Roxy Bar. Si vestiranno, invece, a Unifestival, le vetrine di Di Pietro Stefano, Reginelli, Atmosfere, Bottega del Libro, Perticarini & Meletani, Vanità e dell’Ufficio turistico Iat, che, per l’occasione, esporranno toghe accademiche e materiale del festival.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-05-2011 alle 18:33 sul giornale del 13 maggio 2011 - 913 letture

In questo articolo si parla di attualità, università, macerata, università di macerata

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/kIB