Pascual Blanco. Viaggio al Parnaso. Opere 2004-2010: la mostra continua

Viaggio al parnaso 1' di lettura 06/05/2011 -

Prosegue anche questo week end, all'Auditorium di Sant'Agostino di Civitanova Alta, la mostra d'arte dedicata a Pascual Blanco. Viaggio al Parnaso. Opere 2004-2010".



Pascual Blanco è un pittore spagnolo che riflette nelle sue opere, alcune di grandi dimensioni, l'amore per il classicismo che si sposa con un'inquieta sensibilità manierista che riflette quel disagio che è tipico dei tempi che viviamo. Le sue sono figure solenni che ricordano i grandi pittori spagnoli del passato, raccontano e non replicano l'enigma della realtà.

“Questa rassegna – ha spiegato Enrica Bruni, direttore della Pinacoteca – è stimolante anche sotto il profilo didattico e sarà di certo apprezzata dal pubblico che sappiamo variegato e curioso, attento, desideroso di sapere e di conoscere”. L'artista aragonese recupera gli aspetti più rappresentativi della sua storia, i valori del passato. Il corpo diventa una rappresentazione di grazia e di armonia, è austero e plastico, affiancato da elementi decorativi che sottolineano la solitudine di quelle figure che ricordano Rubens e Michelangelo.

Questa mostra segue due linee di sentimento: il rimpianto di avere perso l'Eden e il desiderio di recuperare quella condizione dove perfettamente bilanciate convivevano l'arte e la poesia.

"Pascual Blanco. Viaggio al Parnaso. Opere 2004-2010" - Auditorium di Sant'Agostino.
La mostra sarà aperta al pubblico tutti i sabati e le domeniche fino al 22 maggio 2011 dalle ore 17,00 alle ore 20,00.
Ingresso gratuito. Catalogo € 20,00 INFO: telefono e fax 0733-891019; e-mail info@pinacotecamoretti.it






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-05-2011 alle 16:05 sul giornale del 07 maggio 2011 - 1434 letture

In questo articolo si parla di cultura, mostra, civitanova marche, comune di civitanova marche, civitanova, enrica bruni, pascual blanco, viaggio al parnaso, pascualblanco

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ktZ





logoEV