4 ministri non riescono a votare: Fini non aspetta, è scontro alla Camera

Gianfranco Fini 1' di lettura 01/04/2011 -

Gianfranco Fini non attende il voto di 4 ministri: alla Camera è il caos più totale. Non siamo più in un'area civile della politica, ma in un aula piena di fenomeni da baraccone. Il processo breve rinviato a martedì prossimo: il verbale è stato respinto, per il mancato voto dei 4 ministri.



I deputati si offendondo tra loro, il ministro della Giustizia Angelino Alfano scaglia contro un deputato la sua tessera e per finire Fini chiude la sessione di voto. Le critiche nn si fanno attendere e Fini viene accusato di non essere più rispettoso di essere la terza carica dello Stato ovvero giudice Super Partes. Al che il ministro alla difesa Ignazio La Russa sbatte un giornale in testa a Fini.

Tutto questo perchè 4 ministri non sono riusciti a votare. Una giornata di confusione e inciviltà, giovedì, alla Camera. Fatta di scontri ed Insulti. Insulti della Lega che vanno ad offendere anche la deputata del Pd Argentin, che durante la seduta non ha battuto le mani per un preciso motivo: è disabile, affetta da amiotrofia spinale. La lega si è poi scusata dopo l'offesa alla deputata. Ma ora, il Pdl e Lega, accusano ancora Fini di non essere imparziale.

Ci voleva un intervento della prima carica dello stato a mettere un pò d'ordine. Giorgio Napolitano, infatti, ha convocato d'urgenza i capigruppo parlamentari per essere aggioranto sull'evento di giovedì alla camera. Napolitano venerdì si è detto preoccupato sull'attività e sugli scontri del Parlamento a riguardo del processo breve.








Questo è un articolo pubblicato il 01-04-2011 alle 09:12 sul giornale del 02 aprile 2011 - 1903 letture

In questo articolo si parla di attualità, giorgio napolitano, Gianfranco Fini, camera dei deputati, scontri, laura rotoloni, processo breve

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/i8U





logoEV